Eccellente mercato del lavoro per i dottori di ricerca

- EN- DE- FR- IT
Eccellente mercato del lavoro per i dottori di ricerca

Un’analisi della situazione del mercato del lavoro per le donne laureate mostra che le condizioni per le dottorande sono molto buone in Svizzera: cinque anni dopo il dottorato, il tasso di disoccupazione è solo dello 0,9%. A quel tempo, il 47% dei titolari di dottorato ricopre una posizione dirigenziale. Ilreddito annuo lordo mediano dei dottori di ricerca è di 107.500 franchi svizzeri cinque anni dopo la laurea , ancheseci sonograndi differenzetra donne e uomini .

L’Ufficio federale di statistica (UST) conduce regolarmente indagini sullo sviluppo professionale dei laureati svizzeri. Recentemente sono stati pubblicati i risultati dei laureati del 2004 che hanno partecipato a un’indagine sulla loro carriera professionale a un anno (2005) e a cinque anni (2009) dalla laurea (triennale, magistrale o di dottorato).

Alto tasso di partecipazione alla forza lavoro

Spesso è difficile trovare un primo lavoro dopo un master o un dottorato. A seconda del settore, la ricerca di lavoro dura diversi mesi. Tuttavia, la maggior parte di queste difficoltà è stata superata cinque anni dopo la laurea. Nel 2009, cinque anni dopo la laurea, il tasso di disoccupazione dei dottorati era solo dello 0,9%. Ci sono differenze a seconda della disciplina: la medicina o le scienze tecniche hanno un tasso di disoccupazione inferiore rispetto, ad esempio, alle scienze sociali e umanistiche. Ma in tutte le discipline il tasso di disoccupazione è inferiore al 2% e quindi ben al di sotto della media nazionale, che nel 2009 era del 4,3%.

L’elevato tasso di occupazione dimostra anche che la stragrande maggioranza dei giovani laureati riesce a inserirsi nel mercato del lavoro: a cinque anni dalla laurea, il tasso di occupazione per i laureati con un master è del 96%, e del 97% per quelli con un dottorato. Un confronto del tasso di occupazione in base al luogo di residenza mostra che i laureati residenti in Svizzera sono maggiormente rappresentati sul mercato del lavoro rispetto ai loro colleghi residenti all’estero. Questa osservazione è valida sia a un anno che a cinque anni dalla laurea, ma la differenza è minima. Ciò è dovuto in parte al fatto che le persone che vivono all’estero frequentano più spesso la formazione continua rispetto alle loro controparti che vivono in Svizzera. Nel complesso, anche gli stranieri riescono a passare con successo dall’istruzione superiore al mercato del lavoro svizzero.

La posizione professionale migliora con l’esperienza professionale

L’evoluzione della carriera tra il 2005 e il 2009 mostra che la percentuale di persone che ricoprono posizioni manageriali è aumentata significativamente con cinque anni di esperienza professionale. Tra i dottori di ricerca, questa quota è aumentata dal 25% al 47% nel periodo in esame. Allo stesso tempo, è diminuita la quota di coloro che lavorano come assistenti (2005: 26%; 2009: 14%) o come personale non dirigente (2005: 43%; 2009: 31%). Le donne sono generalmente meno rappresentate degli uomini nelle posizioni dirigenziali e lavorano più spesso come dipendenti non dirigenti. Nel 2009, la percentuale di dottori di ricerca di sesso maschile in posizioni manageriali era del 52%, mentre quella di dottori di ricerca di sesso femminile era solo del 39%.

Le condizioni di impiego variano

La metà dei laureati della coorte del 2004 ha un lavoro temporaneo a un anno dalla laurea. Questa quota diminuisce con l’aumentare della durata della permanenza sul mercato del lavoro: a cinque anni dalla laurea, solo il 26% dei laureati magistrali ha un lavoro a tempo determinato, mentre il 34,7% dei dottorati ha ancora un lavoro a tempo determinato. A prima vista, questa quota ancora elevata di lavori temporanei tra i dottori di ricerca è sorprendente. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i dottorati che continuano a lavorare nelle università sono per lo più assunti a tempo determinato. Questa percentuale scende a un livello paragonabile a quello degli altri laureati nel mercato del lavoro non universitario.

Lavoro a tempo pieno o part-time?

Cinque anni dopo la laurea, il 25% dei dottori di ricerca lavora a tempo parziale. In generale, i laureati con figli hanno maggiori probabilità di lavorare a tempo parziale rispetto a quelli senza figli. Questo effetto è più pronunciato per le donne che per gli uomini. I laureati in scienze umane e sociali hanno anche un maggior numero di lavori part-time rispetto ai laureati in altri gruppi disciplinari.

Le ragioni del lavoro part-time sono diverse. I figli sono tra le principali ragioni per scegliere un lavoro part-time. Cinque anni dopo la laurea, il 65% delle dottorande che lavorano part-time adducono come motivazione la cura dei figli o della famiglia. Questo motivo è comune anche tra gli uomini (37% tra i dottori di ricerca). Altri motivi per lavorare a tempo parziale sono gli interessi personali o il proseguimento degli studi. Infine, si può ipotizzare che i dottorandi e gli assistenti universitari spesso ottengano solo lavori part-time. La percentuale più bassa di laureate che lavorano a tempo pieno si riscontra nella categoria delle dottorande e delle assistenti.

Il reddito dipende dal settore e dal sesso

Lo studio dell’UST ha anche esaminato il reddito annuo lordo mediano dei laureati, estrapolato al 100% dell’occupazione. Per la coorte di laureati del 2004, il reddito annuo lordo mediano a cinque anni dalla laurea è di 92.300 franchi per i laureati in Master e di 107.500 franchi per i laureati in Dottorato. Ciò significa che i dottorati guadagnano ben 15.000 franchi in più all’anno. Tuttavia, occorre considerare che i dottorati hanno in media cinque anni in più rispetto ai laureati magistrali. Durante questo periodo hanno potuto acquisire ulteriori competenze ed esperienze professionali. Sarebbe quindi troppo miope giustificare le differenze di reddito solo sulla base del titolo acquisito (dottorato). Un confronto deve anche tenere conto del reddito generalmente molto basso durante il dottorato, che equivale a una perdita di reddito per diversi anni.

Gli stipendi dipendono dal settore, dal sesso e dalla regione di appartenenza. I redditi più alti sono quelli dei dottorati in giurisprudenza (136.500 franchi) e in economia (130.000 franchi). Al contrario, le scienze naturali (100.000 franchi) si collocano all’estremità inferiore della scala, così come le discipline mediche e farmaceutiche. Non è chiaro se ciò sia dovuto al fatto che molti scienziati medici e naturali lavorano ancora in posizioni di ricerca accademica poco retribuite cinque anni dopo il dottorato.

Le differenze tra donne e uomini sono particolarmente pronunciate tra i titolari di dottorato: cinque anni dopo il dottorato, gli uomini guadagnano 111.000 franchi, oltre 12.000 franchi in più delle donne. Le differenze persistono anche all’interno dei gruppi disciplinari.

L’analisi del reddito dimostra anche che un cambiamento di carriera paga: I medici guadagnano quasi 20.000 franchi in più in una posizione con funzione dirigenziale rispetto a una posizione senza funzione dirigenziale. Il fatto che gli uomini abbiano maggiori probabilità di occupare posizioni dirigenziali cinque anni dopo la laurea rispetto alle donne potrebbe essere una delle ragioni delle differenze di genere osservate nei guadagni. Di fatto, però, questo divario si riduce solo leggermente se si considerano insieme la posizione lavorativa e il genere.

Mentre gli stipendi dei titolari di master variano notevolmente da una regione all’altra, tali differenze di reddito regionali non si osservano per i titolari di dottorato.

Ulteriori informazioni