Droghe: il circuito della dipendenza individuato

- EN- DE- FR- IT
Sezione trasversale del cervello di un topo che mostra in rosso il circuito che
Sezione trasversale del cervello di un topo che mostra in rosso il circuito che rinforza il comportamento, in verde il circuito che prende la decisione di continuare. Se la proiezione verde è molto attiva, i topi autostimolano la loro proiezione rossa in risposta alle conseguenze negative. Diventano compulsivi. UNIGE

Cosa succede nel cervello di una persona che fa uso compulsivo di droghe - I ricercatori dell’UNIGE hanno identificato il circuito cerebrale che controlla questo comportamento di dipendenza.

Cosa succede nel cervello di una persona che fa un uso compulsivo di droghe - Funziona diversamente in una persona che ne fa un uso controllato? Per risolvere questo enigma, i neurobiologi dell’Università di Ginevra (UNIGE) hanno studiato le differenze di funzionamento del cervello tra queste due categorie. Hanno scoperto che nei consumatori compulsivi il circuito cerebrale che collega l’area decisionale al sistema di ricompensa è rafforzato. In un modello di dipendenza nei topi, hanno anche scoperto che diminuendo l’attività di questo circuito, i topi compulsivi erano in grado di gestirsi e che, al contrario, stimolandolo, un topo che inizialmente aveva perso il controllo diventava dipendente. Questa importante scoperta può essere letta sulla rivista Nature .

La dipendenza è una malattia che si evolve in fasi: prima la prima esposizione alla sostanza, poi l’uso controllato e infine l’uso compulsivo che spinge la persona ad assumere una sostanza che crea dipendenza nonostante i numerosi effetti negativi sulla sua vita (debiti, isolamento sociale, prigione, ecc.). Secondo le stime cliniche, solo una persona su cinque passa dall’uso controllato a quello compulsivo. Perché?

Oggi non sappiamo ancora perché una persona diventa dipendente dalle droghe mentre un’altra no, ma grazie a questo studio sappiamo quali sono le differenze in termini di funzioni cerebrali tra queste due categorie", afferma entusiasta Christian Lüscher, professore del Dipartimento di Neuroscienze di Base della Facoltà di Medicina e ricercatore del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche degli Ospedali Universitari di Ginevra (HUG).Christian Lüscher, professore presso il Dipartimento di Neuroscienze di Base della Facoltà di Medicina e ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche degli Ospedali Universitari di Ginevra (HUG). Ma attenzione a non confondere la dipendenza con l’assuefazione, avverte. La dipendenza implica la necessità di un’astinenza, ma non porta necessariamente a una dipendenza, cioè al bisogno compulsivo di consumare. Ad esempio, tutti diventano dipendenti dall’eroina dopo le prime iniezioni, ma non tutti ne fanno un uso incontrollato.

Gli effetti negativi non sono all’altezza della dipendenza

Per identificare le differenze nel funzionamento del cervello, i ricercatori hanno permesso ai topi di stimolare il loro sistema di ricompensa, situato in profondità nel tronco cerebrale, premendo una piccola leva. Questa è l’area che viene attivata dall’uso di droghe e che provoca piacere. I topi hanno capito subito come funzionava e hanno usato la leva in modo intensivo. Questo è l’equivalente del consumo controllato nelle persone. Per poter osservare quali topi sprofonderanno nel consumo compulsivo, è necessario introdurre un effetto negativo quando si stimola il loro sistema di ricompensa, spiega Vincent Pascoli, ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze di Base della Facoltà di Medicina dell’UNIGE e primo autore dello studio. In questo caso, i topi hanno ricevuto una lieve scossa elettrica quando hanno azionato la leva. Rapidamente, il 40% dei topi ha smesso di attivare la leva, in seguito all’introduzione della punizione. Ma il 60% ha continuato a stimolare il proprio sistema di ricompensa, ignorando la conseguenza negativa.

Grazie a una nuova tecnica che ci permette di misurare l’attività cerebrale dal vivo, abbiamo scoperto un circuito che è molto più attivo nei topi dipendenti rispetto ai topi a consumo controllato", spiega Christian Lüscher. Questo circuito si estende dalla corteccia orbitofrontale allo striato dorsale, situato nei gangli basali del sistema di ricompensa, e ha come obiettivo il sistema di ricompensa. La corteccia orbitofrontale, appena sopra gli occhi, è responsabile del processo decisionale.

Il circuito della dipendenza può essere modulato

Per verificare che questo circuito sia effettivamente responsabile del comportamento compulsivo, i neurobiologi dell’UNIGE hanno aumentato artificialmente l’attività di questo circuito in un topo controllando la stimolazione del suo sistema di ricompensa. Il topo è diventato rapidamente dipendente, adottando un comportamento compulsivo. Al contrario, abbiamo diminuito l’attività del circuito in un topo dipendente, che ha smesso di attivare la leva", spiega Vincent Pascoli.

I topi studiati in questo esperimento sono tutti geneticamente identici. Perché allora l’attività di questo circuito cerebrale non è la stessa per tutti? È questa la domanda a cui cercheremo di rispondere nelle nostre ricerche future", conferma Christian Lüscher. Sono state formulate diverse ipotesi, come i contributi epigenetici basati sulle esperienze di vita che rendono unico ogni essere vivente e influenzano il funzionamento dei suoi geni e del suo cervello. Grazie a questo studio, sappiamo quale circuito causa la dipendenza. Sarà quindi più facile scoprire cosa provoca l’interruzione di questo circuito, conclude Vincent Pascoli.


20 dicembre 2018