L’intelligenza artificiale migliora il trattamento delle donne con attacco cardiaco

      -      English  -  Deutsch  -  Français  -  Italiano
 (Immagine: Pixabay CC0)

(Immagine: Pixabay CC0)

Rispetto agli uomini, le donne muoiono pi¨ spesso di infarto. Le ragioni sono da ricercare nelle differenze di etÓ e nelle malattie concomitanti, che complicano anche la valutazione del rischio nelle donne. Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, i ricercatori dell’UniversitÓ di Zurigo hanno sviluppato una nuova valutazione del rischio che migliora la cura personalizzata delle donne colpite da infarto.

L’infarto Ŕ una delle cause pi¨ comuni di morte in tutto il mondo. Le donne che subiscono un infarto hanno un tasso di mortalitÓ pi¨ elevato rispetto agli uomini. Questa constatazione ha preoccupato i cardiologi per decenni e ha portato a controversie mediche sulle cause e sugli effetti di eventuali lacune nel trattamento. Il problema inizia con i sintomi: A differenza degli uomini, che di solito avvertono una pressione dolorosa sul petto con irradiazione al braccio sinistro, un attacco cardiaco nelle donne spesso provoca dolore addominale e irradiazione alla schiena o nausea e vomito. Questi sintomi, tuttavia, sono spesso mal interpretati dalle persone colpite e dai medici che le assistono per primi, con conseguenze disastrose.

Il profilo di rischio e il quadro clinico sono diversi nelle donne

Un team di ricerca internazionale guidato da Thomas F. LŘscher, professore presso il Centro di Cardiologia Molecolare dell’UniversitÓ di Zurigo (UZH), ha ora esaminato in modo pi¨ approfondito il ruolo del sesso biologico negli attacchi cardiaci. Il nostro studio dimostra che le donne e gli uomini differiscono significativamente nel profilo dei fattori di rischio al momento del ricovero in ospedale. Anche il quadro clinico delle donne e degli uomini colpiti da infarto Ŕ diverso", afferma LŘscher. I pazienti di sesso femminile, ad esempio, hanno una mortalitÓ pi¨ elevata rispetto a quelli di sesso maschile, se non si tiene conto della differenza di etÓ al momento del ricovero e dei fattori di rischio esistenti, come l’ipertensione e il diabete. Ma se si tiene conto di queste differenze a livello statistico, donne e uomini hanno una mortalitÓ simile", aggiunge il cadiologo.

Gli attuali modelli di rischio favoriscono il sottotrattamento dei pazienti

Nello studio, pubblicato sulla famosa rivista "The Lancet", i ricercatori svizzeri e britannici hanno analizzato i dati di 420.781 pazienti europei colpiti dal tipo pi¨ comune di infarto. Lo studio dimostra, tra l’altro, che i modelli di rischio consolidati che guidano l’attuale gestione dei pazienti sono meno accurati nelle donne e favoriscono il sottotrattamento delle pazienti di sesso femminile", afferma il primo autore Florian A. Wenzl del Centro di Medicina Molecolare dell’UZH. Utilizzando l’apprendimento automatico e i pi¨ grandi set di dati in Europa, abbiamo sviluppato un nuovo punteggio di rischio che tiene conto delle differenze di genere nel profilo di rischio e migliora la previsione della mortalitÓ nelle donne e negli uomini", afferma Wenzl.

I profili di rischio basati sull’intelligenza artificiale migliorano l’assistenza personalizzata

Molti ricercatori e aziende biotecnologiche concordano sul fatto che l’intelligenza artificiale e l’analisi dei Big Data siano il prossimo passo verso una cura personalizzata del paziente. Il nostro studio inaugura l’era dell’intelligenza artificiale nel trattamento dei pazienti infartuati", afferma Wenzl. I moderni algoritmi informatici sono in grado di apprendere da grandi serie di dati e di fare previsioni accurate sulla prognosi dei singoli pazienti. E questi, a loro volta, sono la chiave per trattamenti personalizzati.

Thomas F. LŘscher e il suo team vedono un grande potenziale nell’uso dell’intelligenza artificiale per migliorare il trattamento delle malattie cardiache nei pazienti di sesso maschile e femminile. Speriamo che l’uso della nuova valutazione del rischio perfezioni le attuali strategie di trattamento, riduca le disuguaglianze di genere e, in ultima analisi, migliori la sopravvivenza, soprattutto delle donne colpite da infarto", afferma LŘscher.

Letteratura:

Florian A. Wenzl et al. Valutazione e rielaborazione sesso-specifica del punteggio GRACE nelle sindromi coronariche acute non soprasegmentali in popolazioni del Regno Unito e della Svizzera: un’analisi multinazionale con validazione della coorte esterna. The Lancet. 29 agosto 2022. DOI: 10.1016/S0140-6736(22)01483-0


Questo sito utilizza cookie e strumenti di analisi per migliorare l'usabilitÓ del sito. Maggiori informazioni. |