I campi estivi promuovono l’altruismo nei bambini

- EN- DE- FR- IT

Un team dell’UniversitÓ di Ginevra ha dimostrato che partecipare ai campi aiuta a sviluppare preziose competenze socio-emotive.

Dopo due settimane di campo, il livello di altruismo dei partecipanti era signif
Dopo due settimane di campo, il livello di altruismo dei partecipanti era significativamente aumentato, mentre quello degli altri bambini era diminuito. DR

Essere in grado di controllarsi, di cooperare o di aiutare gli altri: le competenze socio-emotive sono essenziali per chi vuole interagire positivamente con i propri coetanei. Queste competenze sono in gran parte acquisite durante l’infanzia e vengono esercitate in diversi contesti, come la scuola, la famiglia o il tempo libero. Un’Úquipe dell’UniversitÓ di Ginevra ha dimostrato che anche i campi di vacanza favoriscono il loro sviluppo. Mostra un aumento del livello di altruismo nei bambini che tornano dai campi, a differenza di quelli che non hanno partecipato a questo tipo di soggiorno durante le vacanze. I risultati sono pubblicati sulla rivista PLOS ONE.

Saper riconoscere e gestire le proprie emozioni e quelle degli altri e adattare il proprio comportamento di conseguenza: le competenze socio-emotive svolgono un ruolo fondamentale nella nostra vita quotidiana. Ci permettono di prendere decisioni utili al nostro benessere e a quello dei nostri coetanei e di costruire relazioni di qualitÓ con loro. ╚ quindi essenziale promuovere il loro sviluppo nei bambini fin dalla pi¨ tenera etÓ.

Queste competenze possono essere acquisite e formate direttamente o indirettamente. Possono anche essere acquisite in vari contesti, come la scuola, la famiglia o il tempo libero. Stimolando atti prosociali come il comportamento altruistico, sono un obiettivo primario per la prevenzione del comportamento antisociale, cioŔ del conflitto verso gli altri e la societÓ. Un team dell’UniversitÓ di Ginevra ha studiato lo sviluppo di queste competenze in un contesto specifico: i campi di vacanza.

Questi campi notturni sono spazi di socializzazione e sperimentazione, al di fuori della famiglia, che si svolgono per un lungo periodo di tempo e integrano tutta la vita quotidiana. Comportano un’interazione costante con gli adulti e gli altri bambini, ricca di apprendimento informale. Volevamo dimostrare che un tale contesto Ŕ favorevole allo sviluppo delle competenze socio-emotive", spiega Edouard Gentaz, professore ordinario presso la FacoltÓ di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’UniversitÓ di Ginevra e presso il Centro Svizzero per le Scienze Affettive.

Picco di altruismo

In particolare, il team dell’UniversitÓ di Ginevra voleva sapere in che misura la partecipazione a questi campi potesse aumentare il livello di altruismo e di autostima dei bambini. I ricercatori volevano anche identificare gli elementi che potevano rendere questa partecipazione pi¨ o meno vantaggiosa, come ad esempio andare con gli amici. Per scoprirlo, hanno utilizzato un campione di 256 bambini di etÓ compresa tra i 6 e i 16 anni, che frequentavano o meno un campo. ╚ stato chiesto loro di rispondere a un questionario standardizzato.

Tra le domande poste c’erano, ad esempio, "in che misura aiuterebbe uno sconosciuto a trovare la strada" o "in che misura aiuterebbe un amico a fare i compiti". Le risposte possibili andavano da "mai" a "molto spesso" su una scala a cinque punti", spiega Yves Gerber, assistente-ricercatore presso la Sezione di Scienze dell’Educazione della FacoltÓ di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’UniversitÓ di Ginevra e primo autore dello studio. I bambini hanno dovuto rispondere a queste domande in due occasioni: all’inizio e alla fine del campo.

Le risposte dei 145 bambini che hanno partecipato al campo sono state confrontate con quelle dei 111 bambini del gruppo "di controllo" che non hanno partecipato a questo tipo di attivitÓ. Questi hanno rivelato un aumento del livello di altruismo nei primi e una diminuzione nei secondi", afferma Jennifer Malsert, docente e collaboratrice scientifica presso la Sezione di Psicologia della FacoltÓ di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’UniversitÓ di Ginevra, responsabile dello studio.Jennifer Malsert, docente e collaboratrice scientifica della Sezione di Psicologia della FacoltÓ di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’UniversitÓ di Ginevra, docente dell’UnitÓ di Insegnamento e Ricerca sull’Educazione Speciale dell’HEP Vaud e coautrice dello studio.

Autostima stabile

Queste risposte sembrano anche dimostrare che l’aver avuto un’esperienza positiva di campeggio in passato, o l’aver partecipato a un’attivitÓ di questo tipo con gli amici, favorisce lo sviluppo dell’altruismo in questo contesto. Per quanto riguarda il livello di autostima, osserviamo che Ŕ rimasto stabile in entrambi i gruppi di bambini. ╚ possibile che questo elemento sia pi¨ stabile dell’altruismo e che le sue modulazioni siano quindi meno evidenti. La scala di risposta che abbiamo utilizzato potrebbe non essere abbastanza specifica per valutare questo aspetto", spiega Yves Gerber.

I risultati di questo studio esplorativo dimostrano l’utilitÓ dei campi di vacanza come strumento per lo sviluppo delle competenze socio-emotive. Essi indicano che il contesto di questi campi, anche per soggiorni di 10-15 giorni, ha un’influenza su queste abilitÓ aumentando le intenzioni altruistiche. Il passo successivo sarÓ quello di studiare la durata dei benefici ottenuti. Si tratterÓ anche di valutare se esiste una correlazione tra la durata del soggiorno e il livello di questi benefici", conclude Edouard Gentaz.

7 novembre 2022