Le banche con smartphone sfidano il business delle banche tradizionali

      -      English  -  Deutsch  -  Français  -  Italiano
La classifica HSLU delle migliori banche retail in Svizzera mostra: Le piccole bLa classifica HSLU delle migliori banche retail in Svizzera mostra: Le piccole banche, in particolare, mostrano valori molto buoni. Le banche ai primi tre posti hanno un totale di bilancio compreso tra 280 e 565 milioni di franchi svizzeri. Per determinare la classifica, il team di ricerca dell’HSLU ha analizzato i bilanci annuali di 90 istituzioni.

Una persona su dieci in Svizzera utilizza già uno smartphone bancario. Anche se finora queste neo-banche sono state utilizzate solo come seconde e terze banche, in futuro potrebbero sfidare lo status di banca principale delle banche consolidate. Questo è il risultato di uno studio dell’Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna sul mercato bancario svizzero al dettaglio.

Le banche per smartphone sono per lo più giovani aziende tecnologiche che, in una prima fase, offrono servizi di base molto economici e senza filiali. Un’indagine rappresentativa della popolazione mostra che circa il dieci per cento della popolazione svizzera utilizza già le banche via smartphone, ovvero 900.000 persone in Svizzera. Anche il livello di consapevolezza di queste banche è già alto. Il 43% delle persone intervistate conosce almeno una banca con smartphone. Le app delle banche per smartphone hanno quindi raggiunto la popolazione. Nel frattempo, non vengono utilizzati solo per le transazioni di pagamento durante le festività. Più di un terzo degli utenti apre un’app corrispondente almeno una volta al giorno.

Secondo Andreas Dietrich, professore di Banca e Finanza presso l’Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna, questo pone delle sfide alle banche consolidate: La nostra analisi mostra che i clienti delle banche per smartphone le raccomandano molto più frequentemente della loro banca nazionale e che la base di clienti delle banche per smartphone continua quindi a crescere rapidamente". Secondo Dietrich, le banche per smartphone sono state finora utilizzate generalmente come seconda o terza banca e rappresentano quindi un’integrazione e non una sostituzione dei rapporti bancari esistenti. Tuttavia, dal sondaggio è emerso che molti utenti di smartphone bank immaginano di avere in futuro il loro rapporto bancario principale con fornitori come Neon, Zak o Yuh invece che con banche regionali, banche Raiffeisen o banche cantonali.

Perché gli svizzeri (non) investono

In Svizzera, una famiglia su due investe in titoli. Lo dimostra un’indagine rappresentativa della popolazione sul tema "investire". La situazione economica percepita soggettivamente (reddito, patrimonio), così come la paura e l’ignoranza sono le ragioni principali per cui le persone decidono di non investire il proprio denaro. Tra coloro che investono, la percentuale di donne (40%) è significativamente inferiore a quella degli uomini (60%). Anche le persone con redditi e patrimoni più elevati, con un livello di istruzione più alto e quelle che vivono nella Svizzera tedesca investono più frequentemente.

Una persona su cinque che non investe in Svizzera può immaginare di investire nel futuro. Ciò corrisponde a un potenziale di circa 550.000-600.000 persone in Svizzera. Secondo gli autori dello studio, tuttavia, le conoscenze finanziarie della popolazione svizzera devono essere migliorate affinché le persone investano sempre di più.

Finanziamenti bancari sostenibili: dove sta il potenziale

Il volume di credito delle banche svizzere, pari a 1.300 miliardi di franchi, corrisponde a quasi due volte il prodotto interno lordo svizzero. I prestiti bancari contribuiscono quindi in modo significativo al finanziamento dell’economia svizzera - e cofinanziano l’impatto ambientale di aziende e privati. Secondo gli autori dello studio, è quindi importante che le banche retail che hanno ancorato strategicamente la sostenibilità si concentrino sempre più sul finanziamento sostenibile oltre che sugli investimenti sostenibili. Da un lato, è importante valutare la sostenibilità dei mutuatari in modo olistico, valutando non solo le garanzie ma anche lo scopo del prestito. D’altra parte, è di grande importanza analizzare quali misure concrete di sostenibilità possono limitare i rischi di credito e quali sono prevalentemente guidate da concetti di valore. Per quanto riguarda l’efficacia delle riduzioni dei tassi di interesse, è opportuno prevedere riduzioni di prezzo mirate, ad esempio sull’importo del prestito utilizzato per la sostituzione di sistemi energetici fossili con fonti di energia rinnovabili.

Le piccole banche continuano ad avere ottimi rapporti finanziari

Il team di ricerca dell’HSLU ha esaminato i bilanci annuali di 90 istituzioni. Sulla base di nove dati chiave, è stata determinata la migliore banca retail dal punto di vista finanziario (vedi tabelle in appendice). Nel complesso, la maggior parte dei dati chiave è stabile e la condizione finanziaria delle banche retail svizzere può essere definita buona. Le piccole banche, in particolare, continuano a mostrare valori molto buoni, che si riflettono anche nella classifica. Le banche ai primi tre posti hanno un totale di bilancio compreso tra 280 e 565 milioni di franchi svizzeri.

Lo studio HSLU mostra che esistono differenze regionali significative tra le regioni di mercato delle banche. Le banche della regione del Lago di Ginevra, ad esempio, presentano i margini di interesse più elevati e la migliore redditività, mentre le banche della Svizzera centrale mostrano indici di efficienza relativamente superiori alla media.

Aumenta la percentuale di donne nei consigli di amministrazione delle banche

La percentuale di donne nei consigli di amministrazione delle banche continua a crescere. A giugno 2022, 141 dei 518 membri del Consiglio di amministrazione erano donne (l’anno precedente 132). Il coautore dello studio Christoph Lengwiler commenta: Il fatto che tra i 349 nuovi membri del CdA eletti dal 2015 la quota media di donne sia stata del 34% suggerisce un ulteriore aumento della quota di donne nei consigli di amministrazione delle banche retail".

Come mostra l’analisi dei nuovi membri del Consiglio di amministrazione dal 2015, circa il 10% dei nuovi membri lascia il Consiglio di amministrazione entro tre anni. Ciò pone ovviamente alcune sfide per la selezione ottimale del personale per il consiglio di amministrazione", afferma Lengwiler.

Studio IFZ sul settore bancario al dettaglio 2022

Per l’undicesima volta, l’"IFZ Retail Banking Study 2022" dell’Istituto di Servizi Finanziari di Zug IFZ dell’Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna esamina il core business delle banche orientate al mercato nazionale. L’edizione attuale dello studio analizza, da un lato, la diffusione delle smartphone bank in Svizzera e, dall’altro, la percentuale di (non) investitori nella popolazione e spiega perché quali gruppi di popolazione investono o meno. Inoltre, lo studio affronta il tema del finanziamento sostenibile delle banche, mostra i migliori indici finanziari delle banche e la posizione della corporate governance delle banche retail.

Lo "Studio IFZ sul Retail Banking 2022", di 220 pagine, può essere ordinato su ifz@hslu.ch al prezzo di 190 franchi.

Ulteriori informazioni su: hslu.ch/retailbanking