Sulle tracce del virus del frutto marrone ruvido nei pomodori

  -  Deutsch  -  Français  -  Italiano
Estrazione 1 (foto: Denise Altenbach, Agroscope)

Estrazione 1 (foto: Denise Altenbach, Agroscope)

Il virus del frutto marrone ruvido del pomodoro è una nuova minaccia per l’agricoltura svizzera, soprattutto per pomodori, peperoni e peperoncini. Agroscope svolge un ruolo chiave nella lotta contro questo parassita da quarantena in Svizzera. Nel laboratorio di quarantena, un nuovo gruppo di ricerca sta analizzando i campioni di piante inviati utilizzando un test PCR. In caso di risultato positivo, sono necessarie misure drastiche per prevenire l’ulteriore diffusione e limitare i danni: recentemente, una partita di 6000 piantine ha dovuto essere completamente distrutta all’aeroporto di Zurigo.

Sembra uno scenario da film: un carico di circa 6000 giovani piante di pomodoro arriva in Svizzera in aereo. Gli ispettori del Servizio fitosanitario federale (FPS) prelevano alcune piante e le inviano ad Agroscope Changins (VD). In un laboratorio di quarantena appositamente protetto, i ricercatori analizzano i campioni di piante per individuare il virus del pomodoro a frutto ruvido marrone. Il giorno successivo sono stati resi disponibili i risultati e il virus è stato individuato. Agroscope ha immediatamente informato la FPS dei risultati. La FPS ha ordinato la distruzione completa della partita all’aeroporto.

Il commercio globale è in crescita

Il caso descritto sopra non è più isolato. Con lo sviluppo del commercio globale di sementi e piante, nuovi parassiti stanno aumentando in Svizzera. L’anno scorso è stato scoperto per la prima volta il virus dei frutti marroni del pomodoro su piante importate in Svizzera. Nel 2022, Agroscope ha finora analizzato tre lotti di importazione, due dei quali sono risultati positivi. È una corsa contro il tempo

Fino a 1000 campioni forniti

L’SPF e il Servizio fitosanitario di Agroscope collaborano strettamente con i servizi fitosanitari cantonali (SPC) nella lotta contro il virus del frutto marrone ruvido nei pomodori. Un trio che funziona bene per prevenire la diffusione di questo virus contagioso. Questo obiettivo può essere raggiunto solo se il virus viene individuato abbastanza precocemente. Quest’anno sono previsti fino a 1000 controlli casuali, ad esempio nelle aziende agricole di pomodori, peperoni e peperoncini, nonché nei vivai e nei centri di giardinaggio. A ciò si aggiungono interventi estemporanei come l’importazione di cui sopra.

Vengono analizzate anche le acque di drenaggio

L’acqua di drenaggio delle serre viene analizzata anche per il virus del pomodoro a frutto ruvido. Si tratta di un metodo utilizzato anche per rilevare i coronavirus nelle acque reflue degli impianti di depurazione. Se un campione risulta positivo, ad esempio in un’azienda agricola di produzione, i frutti devono essere raccolti con misure igieniche rigorose. Questo perché gli esperti ritengono che il rischio di diffusione attraverso i frutti sia minore e che il danno per i produttori sarebbe sproporzionato. Alla fine della stagione, tutte le piante devono essere bruciate e tutte le serre coinvolte, compreso il sistema di irrigazione, devono essere decontaminate.


Importanza del cambio a livello internazionale

Stiamo cercando di proteggere l’agricoltura dal virus

Il Tomato Brown Rugose Fruit Virus (ToBRFV) è stato individuato per la prima volta in Svizzera nel 2021, in un’azienda di pomodori in Turgovia. Questa malattia delle piante attacca pomodori, peperoncini e peperoni. Non sono ancora note le altre piante presenti sul campo o nell’ambiente. Sono possibili perdite di resa fino al 100%. Il virus del pomodoro marrone a frutto ruvido è altamente contagioso. Sopravvive a lungo sui residui vegetali, nel terreno e nelle serre. In quanto parassita da quarantena, il virus del ribes bruno del pomodoro deve essere dichiarato e controllato. È monitorata dai servizi fitosanitari federali e cantonali.


Questo sito utilizza cookie e strumenti di analisi per migliorare l'usabilità del sito. Maggiori informazioni. |