Impatto climatico: viaggi, fondute e CO2

- EN- DE- FR- IT
 (Immagine: Pixabay CC0)
(Immagine: Pixabay CC0)

Tutte le nostre azioni hanno un’impronta di carbonio, ma la nostra percezione delle emissioni che produciamo quotidianamente corrisponde alla realtà? Per scoprirlo, due ricercatori dell’EPFL hanno lanciato Climpact, un nuovo strumento che ci aiuta a distinguere il vero dal falso.

Mentre l’ambiente, compreso il nostro clima, è diventato la principale preoccupazione della popolazione svizzera nel 2022, un sondaggio globale della società di ricerche di mercato IPSOS ha rivelato che ci sono idee sbagliate sulle soluzioni climatiche più efficaci.

Per capire meglio come le persone percepiscono l’efficacia delle azioni per il clima, due ricercatori dell’EPFL, Victor Kristof e Lucas Maystre, che fanno parte del Laboratorio di Dinamica dell’Informazione e delle Reti della Facoltà di Informatica e Comunicazione (IC), hanno lanciato uno strumento interattivo per misurare e condividere la percezione delle persone sull’impatto delle loro scelte quotidiane.

"Volevamo applicare i modelli statistici che abbiamo sviluppato nella nostra ricerca per esaminare come le persone percepiscono l’impronta di carbonio delle loro azioni, ad esempio bere acqua imbottigliata in bottiglie di plastica rappresenta quante emissioni? È una domanda molto difficile. La maggior parte delle persone probabilmente non ne ha idea. Il modello che abbiamo sviluppato converte il confronto dell’impronta di carbonio di diverse azioni in una scala assoluta. In questo modo possiamo confrontare la percezione con l’impronta di carbonio effettiva", spiega Victor Kristof.

I set di dati non esiste vano

Nel 2019, il duo ha iniziato a creare un set di dati di azioni come volare, mangiare carne o riscaldare la casa. Hanno sviluppato una piccola app dimostrativa e raccolto 2.000 risposte da 250 studenti, creando un set di dati di 18 azioni. Hanno scoperto che il compito più difficile non è stato raccogliere i dati del sondaggio, far funzionare il loro modello o sviluppare il sito web, ma trovare le informazioni sulla quantità di emissioni di carbonio prodotte da azioni specifiche.

"Quello che si riscontra molto spesso è un approccio dall’alto verso il basso. I 45 milioni di tonnellate di CO2 prodotti ogni anno dalla Svizzera vengono divisi per gli 8 milioni di abitanti per ottenere un numero di tonnellate di carbonio pro capite, ma questo non rivela molto sui dettagli della vita quotidiana delle persone e su come possono ridurre il loro impatto", continua.

Victor Kristof e Lucas Maystre hanno incrociato i dipartimenti e hanno iniziato a lavorare con Jérôme Payet e un team di studenti di master della Facoltà di Ambiente Naturale, Architettonico e Costruito (ENAC) dell’EPFL per creare un set di dati più completo sull’impronta di carbonio di 52 stock, basato su una solida metodologia di valutazione del ciclo di vita. Secondo Victor Kristof, i set di dati semplicemente non esistevano. È stato quindi necessario crearli. "Abbiamo adottato un approccio dal basso verso l’alto e, azione per azione, abbiamo calcolato rigorosamente la loro impronta di carbonio. Per esempio, piuttosto che un numero generale pro capite, per un viaggio in treno abbiamo preso in considerazione la fonte di energia, i vagoni, i binari, la stazione, tutto". Questo set di dati, compilato da Blanche Dalimier, Alexis Barrou e Edouard Cattin, ha vinto il Premio Durabilis 2021.

Hanno calcolato che l’impronta di carbonio media di un cittadino svizzero è di 11,6 tonnellate di CO2, il che conferma i risultati di altre fonti che utilizzano metodologie diverse.

Tennis o pomodori?

Per arricchire il set di dati e condividere le conoscenze raccolte, Climpact, ora pubblico, invita gli utenti a completare un sondaggio e poi rivela se la loro percezione dell’impatto delle loro azioni è accurata e in linea con la realtà.

I confronti quotidiani sono, ad esempio, comprare pomodori o mangiare carne per un anno, sciare per una settimana, mangiare una fonduta, giocare a tennis, recarsi al lavoro per un anno in auto, autobus o bicicletta, o riscaldare la propria casa con una vecchia caldaia.

Quest’ultimo esempio è particolarmente rilevante perché il mese prossimo gli elettori svizzeri voteranno a favore o contro la Legge sul clima e l’innovazione. Si tratta di un’iniziativa del governo federale che mira a ridurre il consumo di petrolio e gas nel Paese, a produrre più energia a livello locale e a garantire che la Svizzera sia neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2050.

Gli edifici sono responsabili di circa un terzo delle emissioni di CO2 in Svizzera a causa del riscaldamento e del consumo energetico generale. La legge prevede un sostegno finanziario per chi sostituisce le vecchie caldaie a gasolio, gas o elettricità.

Victor Kristof afferma che, sebbene la percezione dell’impatto delle emissioni di anidride carbonica di molte azioni sia generalmente abbastanza buona, ci sono alcune discrepanze interessanti. "Speriamo di dimostrare ai governi che molte persone sottovalutano l’impatto di alcune azioni che hanno una grande impronta di carbonio. I primi risultati mostrano che questo è il caso, ad esempio, del riscaldamento delle case. Riteniamo che sia molto importante sensibilizzare il grande pubblico su questo tema".

Responsabilità individuale contro responsabilità governativa e aziendale

I visitatori del sito web Climpact possono anche sfogliare tutte le 52 azioni per vedere quali emettono di più o di meno e calcolare l’impatto delle loro azioni individuali. I ricercatori hanno misurato l’impatto di un viaggio in treno da Zurigo a Losanna, ma se gli utenti conoscono la distanza da altre città, una calcolatrice calcolerà automaticamente l’impronta di carbonio del viaggio. Da un punto di vista educativo, questo può essere utile, ma Victor Kristof afferma che ciò che i ricercatori non sono riusciti a fare è interessante quanto i set di dati che sono stati in grado di creare.

"Spesso parliamo di responsabilità individuale ed è vero che tutti dovremmo prestare maggiore attenzione al nostro impatto sul clima, ma ci sono molte cose che le persone non hanno il potere di fare. I governi e le imprese hanno la grande responsabilità di muovere le cose nella giusta direzione attraverso le loro politiche e pratiche".

"Per la maggior parte delle azioni possiamo utilizzare l’approccio bottom-up, ma per alcuni settori come l’istruzione, la sanità e il tempo libero è stato molto difficile ottenere dati precisi. Se si va al ristorante o si soggiorna in un hotel per una notte, non si ha idea delle emissioni di carbonio prodotte. Non è affatto trasparente e indica che dobbiamo fare più ricerca in questi settori per ottenere dati accurati".

Secondo Victor Kristof, ci sono altri elementi molto difficili da valutare e che non potrebbero essere inclusi nel Climpact, ma che potenzialmente hanno un impatto significativo sul modo in cui affrontiamo la crisi climatica. Victor Kristof ha invitato a riflettere su questo aspetto: "Dove mettete i vostri soldi, per esempio, quale banca avete scelto, qual è la sua politica climatica? Votate e, se sì, per chi? Partecipate a iniziative o associazioni locali? Si tratta di azioni soft la cui impronta di carbonio è quasi impossibile da misurare, ma che potenzialmente hanno il massimo impatto sulla sua riduzione".

I ricercatori hanno utilizzato quello che chiamano "modello di scelta discreta", nato nella letteratura psicometrica dei primi anni Venti. Questo modello è stato adattato in un algoritmo di apprendimento attivo. Si tratta di un metodo di apprendimento automatico che seleziona in modo ottimale la prossima coppia di azioni da presentare all’utente massimizzando le informazioni ricevute dal confronto. Questo modello passa quindi dai dati di confronto a coppie (cioè un’azione rispetto a un’altra) alla percezione su scala assoluta (cioè la percezione di ogni singola azione). Questo ci permette di passare dalla complessità di alcune domande a cui l’utente deve rispondere (quante emissioni produce il riscaldamento della casa?) a un algoritmo informatico che si occuperà di domande più semplici (riscaldare una casa produce più emissioni che volare?).