Nella scatola nera dell’autoritÓ in classe

      -      EN  -  DE  -  FR  -  IT
Il team dell’UNIGE e dell’HEP Vaud ha prodotto uno dei primi studi a
Il team dell’UNIGE e dell’HEP Vaud ha prodotto uno dei primi studi approfonditi sul campo sull’esercizio dell’autoritÓ in classe. I risultati sono giÓ stati utilizzati nei corsi di formazione per insegnanti. ę Lucien Agasse

Un team dell’UniversitÓ di Ginevra e dell’HEP Vaud ha sviluppato un sistema innovativo per analizzare l’esercizio dell’autoritÓ didattica e valutarne l’efficacia.

Come viene esercitata l’autoritÓ in classe? Un team dell’UniversitÓ di Ginevra e dell’UniversitÓ vodese per la formazione degli insegnanti (HEP Vaud) ha realizzato uno dei primi studi approfonditi sul campo su questo tema. Filmando gli insegnanti in formazione per un periodo di diversi mesi, i ricercatori hanno identificato diversi modi di esercitare l’autoritÓ didattica e ne hanno valutato l’efficacia. Hanno riscontrato che le strategie basate sul doppio discorso - cioŔ rivolgersi a pi¨ alunni o gruppi di alunni contemporaneamente, utilizzando due canali di comunicazione diversi - erano particolarmente efficaci. I risultati sono pubblicati sulla rivista Teaching and Teacher Education.

In classe, l’autoritÓ degli insegnanti non Ŕ pi¨ facilmente accettata dagli alunni. Di fronte ai cambiamenti della societÓ, il suo esercizio tradizionale - basato in particolare su minacce, coercizione e abitudine - ha perso legittimitÓ. Per ottenere il consenso degli alunni, gli insegnanti devono adattarsi a questo nuovo contesto e costruire la propria autoritÓ su base quotidiana, a seconda della classe e della situazione di apprendimento. ╚ necessario inventare nuove posture per consentire sia agli insegnanti alle prime armi sia a quelli pi¨ esperti di ottenere il sostegno degli alunni.

Ad oggi, pochi studi hanno documentato le interazioni tra insegnanti e alunni in situazioni in cui viene esercitata l’autoritÓ. Per rimediare a questa situazione, un team dell’UniversitÓ di Ginevra e dell’HEP Vaud ha utilizzato un sistema video innovativo in ventiquattro classi di livello secondario del cantone di Vaud (433 alunni in totale, di etÓ compresa tra i 12 e i 15 anni), abbinandolo a interviste che hanno rivelato le esperienze professionali degli insegnanti (dieci in totale, in formazione). L’indagine Ŕ durata sei mesi.

Dispositivo innovativo

Abbiamo installato una telecamera grandangolare indipendente in ogni aula per avere una visione dell’insegnante e degli alunni. Gli insegnanti indossavano un tracciatore al collo che permetteva alla telecamera di seguire i loro movimenti all’interno dell’aula", spiega ValÚrie Lussi Borer, professore associato, responsabile del gruppo AFORDENS e membro della FacoltÓ di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’UniversitÓ di Ginevra, che ha diretto questo lavoro.

Al termine delle lezioni, Ŕ stato chiesto agli insegnanti di indicare quali fossero state le situazioni di autoritÓ pi¨ significative della giornata e i loro obiettivi durante queste. I brani relativi sono stati poi visionati con loro per "confrontarli" con questi episodi e misurare il divario tra le loro aspettative e la realtÓ. Questo metodo ha permesso di individuare diversi modi di esercitare l’autoritÓ e di misurarne l’efficacia.

La strategia pi¨ efficace

Tra i diversi tipi di interazione studente-insegnante che abbiamo identificato, il pi¨ efficace Ŕ il cosiddetto ’doppio indirizzo’, che rappresenta un terzo delle interazioni filmate", rivela Vanessa Joinel Alvarez, professore associato presso l’unitÓ di insegnamento e ricerca AGIRS dell’HEP Vaud e prima autrice del premio.che rappresenta un terzo delle interazioni filmate", rivela Vanessa Joinel Alvarez, professore associato presso l’unitÓ di insegnamento e ricerca AGIRS dell’HEP Vaud e prima autrice dello studio.

In questi doppi indirizzi, gli insegnanti possono combinare indirizzi diretti e indiretti, rivolgendosi a un alunno per trasmettere un messaggio al resto del gruppo, oppure rivolgendosi al gruppo per trasmettere un messaggio a un alunno. Il destinatario apparente non Ŕ il vero destinatario: l’insegnante sta cercando di trasmettere informazioni indirettamente a uno o pi¨ alunni.

Limitare l’equilibrio di potere

╚ il caso, ad esempio, degli insegnanti che, per evitare che il comportamento dirompente si diffonda al resto del gruppo, intervengono apparentemente con l’alunno dissipato per trasmettere, indirettamente, un messaggio di dissuasione al gruppo. I ricercatori hanno anche evidenziato situazioni in cui l’insegnante si rivolge direttamente all’intera classe e indirettamente a uno o due alunni, con l’obiettivo di trasmettere loro un messaggio senza nominarli esplicitamente, per non stigmatizzarli o rafforzare i confronti sociali tra gli alunni.

Abbiamo riscontrato che questa strategia Ŕ molto efficace per prevenire i comportamenti di disturbo. Permette agli insegnanti di limitare il confronto, che non Ŕ molto efficace con gli adolescenti", spiega Vanessa Joinel Alvarez. Non affrontando direttamente l’alunno, gli insegnanti evitano di coinvolgerlo in una lotta di potere e gli permettono di mantenere la calma con i suoi compagni.

I risultati di questa ricerca sono giÓ stati reinvestiti in nuovi corsi di formazione in servizio per gli insegnanti, come il Module d’approfondissement professionnel "Gestion efficace et bienveillante des comportements en classe" presso l’HEP Vaud e il Certificat d’Útudes avancÚes "Enseigner en situation complexe au secondaire" presso l’Institut universitaire de formation des enseignants dell’UniversitÓ di Ginevra. Questi corsi forniscono agli insegnanti gli strumenti per comprendere meglio il modo in cui interagiscono con gli alunni in classe e l’impatto di queste interazioni sul clima della classe.

19 settembre 2023