L’immunità a COVID-19 riduce la contagiosità

      -      EN  -  DE  -  FR  -  IT
 (Immagine: Pixabay CC0)
(Immagine: Pixabay CC0)

Un team dell’Università di Ginevra e dell’HUG ha analizzato i contatti di 50.000 casi COVID-19 positivi. L’immunità successiva alla vaccinazione fornisce una migliore protezione ai contatti stretti.

Sono stati analizzati i dati di oltre 50.000 casi e 110.000 contatti registrati nel Cantone di Ginevra tra giugno 2020 e marzo 2022. Archivio Adobe

Quasi una persona su tre esposta al SARS-CoV2 è infetta, e addirittura due su cinque con la variante Omicron. In caso di immunità - conferita dalla vaccinazione, dall’infezione o da una combinazione delle due - il tasso scende a uno su dieci. Tuttavia, l’immunità scompare nel giro di pochi mesi, conferma un team dell’Università di Ginevra e degli Ospedali Universitari di Ginevra (HUG), dopo aver rivisitato i dati epidemiologici raccolti a Ginevra. Mentre la protezione dopo un’infezione sembra essere leggermente maggiore rispetto a quella successiva alla vaccinazione - anche se con il rischio di sintomi potenzialmente gravi - la vaccinazione riduce la contagiosità dei pazienti per un periodo più lungo. Con l’aumento del numero di casi, la filtrazione dell’aria, la ventilazione e l’uso di maschere in prossimità di persone vulnerabili sembrano essere misure necessarie. Per saperne di più su questi risultati, consultare la rivista Nature Communications.

L’immunità - la capacità dell’organismo di difendersi dagli agenti patogeni, in questo caso il SARS-CoV2 - può essere conferita dalla vaccinazione, dall’infezione o da una combinazione delle due. Il vaccino agisce in due modi sulla diffusione del virus. Impedisce la contrazione del virus ma anche, in caso di infezione, la sua diffusione alle persone vicine.

Il nostro obiettivo era quello di valutare il tasso di attacchi secondari della SARS-CoV2, cioè la proporzione di persone infette tra i contatti di una persona malata, per vedere l’effetto dell’immunità sulla trasmissione e per identificare come questo effetto sia suddiviso tra riduzione della contagiosità e protezione dall’infezione", spiega Delphine Courvoisier, professore assistente presso il Dipartimento di Medicina dell’Università di Ginevra, epidemiologa presso il Servizio per la Qualità delle Cure dell’HUG e ricercatrice presso il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’HUG.Delphine Courvoisier, professore assistente presso il Dipartimento di Medicina della Facoltà di Medicina dell’Università di Ginevra, epidemiologa presso il Servizio per la qualità dell’assistenza sanitaria dell’HUG e delegata dall’HUG come responsabile dell’unità "dati" presso il Servizio medico cantonale, ha diretto questo lavoro.

Un eccezionale insieme di dati

Sono stati analizzati i dati di oltre 50.000 casi e 110.000 contatti registrati nel Cantone di Ginevra tra giugno 2020 e marzo 2022. Queste cifre rappresentano un database molto completo, sia per il numero di casi che per la gamma di informazioni fornite: zona di residenza, età, peso, tipo di sintomi, stato di vaccinazione, date di vaccinazione e/o infezione.

Questo studio non si concentra quindi sui campioni biologici, ma sui risultati dei test e sul follow-up dei contatti riferiti da individui positivi alla COVID-19", spiega Denis Mongin, professore assistente senior presso il Dipartimento di Medicina della Facoltà di Medicina dell’Università di Ginevra, statistico dell’HUG ed esperto delegato all’elaborazione dei dati. Tuttavia, la ricchezza dei dati a nostra disposizione ci consente di effettuare un’analisi dettagliata e di regolare i parametri per evitare qualsiasi distorsione".

Vaccinazione o infezione: quale immunità?

In media, una persona infetta poco più di tre su dieci dei suoi contatti, principalmente all’interno del nucleo familiare, e fino a quattro su dieci con Omicron. Tuttavia, l’immunità riduce drasticamente il numero di contatti infetti, soprattutto proteggendo dall’infezione e, in misura minore, riducendo l’infettività degli individui infetti. Inoltre, questi risultati confermano quanto già osservato: l’immunità dopo l’infezione ha un effetto maggiore sulla trasmissione del virus rispetto al vaccino, sia in termini di riduzione della contagiosità che del rischio di contaminazione. Tuttavia, l’effetto si esaurisce in pochi mesi in tutti i casi.

Tuttavia, i rischi associati alle infezioni sono significativi, soprattutto per le persone fragili. Sappiamo anche che esistono rischi cumulativi associati a infezioni multiple, in particolare cardiache e neurologiche", afferma Delphine Courvoisier.

Inoltre, l’analisi dei dati di Ginevra mostra che l’età, il sesso, lo status socioeconomico e l’obesità hanno un impatto minimo. Né la combinazione di vaccinazione e infezione ha conferito una maggiore immunità.

Raccomandazioni semplici ma efficaci

Per il momento i vaccini, pur essendo ancora utili per limitare la contagiosità, in particolare per chi si occupa di assistenza e per le persone molto anziane e/o fragili, non possono essere l’unica misura di salute pubblica in caso di una nuova ondata. Per questo motivo, se vogliamo ridurre efficacemente la diffusione della SarS-Cov-2, è necessario prendere in considerazione misure di salute pubblica relativamente semplici e poco costose, come la filtrazione dell’aria, la ventilazione di case, uffici e aule e l’uso di maschere", concludono gli autori.

12 settembre 2023