Il riscaldamento globale ha causato il 60% dei decessi dovuti al caldo in Svizzera nel 2022

- EN- DE- FR- IT
Nella piscina all’aperto Marzili di Berna, nelle giornate più calde, vengo
Nella piscina all’aperto Marzili di Berna, nelle giornate più calde, vengono visualizzate su schermi le raccomandazioni di comportamento. Senza queste campagne di sensibilizzazione, il tasso di mortalità per calore sarebbe stato ancora più alto nell’estate del 2022. Università di Berna, immagine Adrian Moser

Il cambiamento climatico è accompagnato da un aumento delle temperature, con il risultato che i problemi di salute legati al caldo sono in aumento. Nell’estate del 2022, il riscaldamento globale causato dall’uomo è stato responsabile di quasi il 60% degli oltre 600 decessi dovuti al caldo in Svizzera. Queste sono le crude conclusioni di uno studio condotto dall’Università di Berna.

Le cifre della torrida estate del 2022 sono edificanti: a Ginevra, ad esempio, il termometro ha registrato oltre 30 gradi per 41 giorni, e addirittura per 49 giorni a Sion e 38 giorni a Lugano. Nel recente passato, la Svizzera non aveva vissuto un’ondata di caldo così intensa dalla leggendaria estate del 2003. Le alte temperature hanno avuto conseguenze drammatiche per la salute. Tra giugno e agosto 2022, 623 persone sono morte a causa del caldo, pari al 3,5% del numero totale di decessi in questo periodo. Queste sono le crude conclusioni di uno studio condotto dall’Università di Berna e recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Research Letters. Secondo la pubblicazione, il numero di decessi legati al caldo nell’estate del 2022 è stato tre volte superiore alla media degli anni dal 2009 al 2017.

Il riscaldamento globale è responsabile di oltre 370 morti in più

Lo studio non solo fornisce la prova dell’eccesso di mortalità attribuibile al caldo, ma è anche uno dei primi studi al mondo a quantificare il contributo del riscaldamento globale ai decessi dovuti al caldo: esso ammonta a circa il 60%. In altre parole, senza i cambiamenti climatici causati dall’uomo, più di 370 persone in Svizzera non sarebbero morte per cause legate al caldo nell’estate del 2022", afferma la dott.ssa Ana Vicedo-Cabrera, autrice principale dello studio, condotto dall’Istituto di medicina sociale e preventiva (ISPM) e dal Centro Oeschger per la ricerca sul clima (OCCR) dell’Università di Berna. Allo studio hanno partecipato anche ricercatori del Politecnico federale di Zurigo (ETH), dell’Istituto svizzero di salute tropicale e pubblica di Basilea (Swiss TPH) e dell’Università di Basilea.

Gli studi che calcolano il contributo dei cambiamenti climatici agli effetti osservati del caldo sono rari. Nel 2021, uno studio coordinato dall’Università di Berna e dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine ha suscitato un grande interesse internazionale. Ha mostrato per la prima volta il reale contributo del cambiamento climatico indotto dall’uomo ai decessi legati al caldo tra il 1991 e il 2018 in 732 città di 43 Paesi del mondo. Per la torrida estate del 2022, che ha colpito tutta l’Europa, non esistono studi, a parte quello condotto in Svizzera. Il team dell’epidemiologa Ana Vicedo-Cabrera ha basato i propri calcoli sui cosiddetti studi di attribuzione. Questi utilizzano metodi statistici consolidati e simulazioni climatiche per stimare il contributo dei cambiamenti climatici causati dall’uomo all’impatto sulla salute osservato.

La popolazione urbana è particolarmente colpita dal caldo

A seconda della regione, lo studio dei decessi legati al caldo ha evidenziato i seguenti risultati: i cantoni urbani di Ginevra, Vaud, Basilea Città e Zurigo sono stati particolarmente colpiti. A Basilea e Zurigo, ad esempio, i servizi sanitari pubblici non hanno messo in atto una strategia completa e sistematica per combattere il caldo. Nella Svizzera francese e in Ticino sono già stati elaborati piani d’azione dopo l’ondata di caldo del 2003. Questi includono campagne di sensibilizzazione e raccomandazioni sulle azioni da intraprendere. La scorsa estate, questi piani d’azione hanno contribuito a prevenire un aumento del numero di decessi legati al caldo, ad esempio nei cantoni di Ginevra e Vaud, dove le temperature erano molto elevate", spiega Ana Vicedo-Cabrera.

L’epidemiologo dà anche consigli alle autorità pubbliche su come ottimizzare i piani d’azione già in atto per proteggersi dall’ondata di calore. Il suo studio giunge infatti alla seguente conclusione: Dati gli attuali tassi di riscaldamento, un’estate molto calda come quella del 2022 sarà un’estate media per i decenni a venire. In assenza di strategie di adattamento efficaci, il progressivo invecchiamento della popolazione e la comparsa (o ricomparsa) di malattie infettive potrebbero avere conseguenze ancora più gravi per la salute. Gli autori dello studio chiedono inoltre di intensificare le misure di protezione del clima e raccomandano "strategie di mitigazione ambiziose".

Il caldo colpisce più le donne che gli uomini, in particolare le donne anziane

Lo studio intitolato "The impact of human-induced climate change on the number of heat-related deaths in the summer of 2022 in Switzerland" (L’impatto dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo sul numero di decessi dovuti al caldo nell’estate del 2022 in Svizzera) ha analizzato gli effetti dell’ondata di caldo estivo non solo osservando le differenze regionali, ma anche in base all’età e al sesso. È emerso che in quasi il 90% dei casi le persone decedute a causa del caldo avevano più di 65 anni. Il numero di decessi è stato generalmente più alto tra le donne che tra gli uomini. Tra tutti i sottogruppi, il tasso di mortalità più elevato è stato registrato tra le donne anziane.

Secondo Ana Vicedo-Cabrera, attualmente non esistono prove scientifiche che spieghino perché le donne anziane siano così sensibili al calore. Secondo alcune ipotesi, le cause sono fisiologiche, legate ad esempio alla menopausa. Inoltre, il fatto che le donne anziane siano generalmente più attive degli uomini, e quindi esposte a temperature più elevate, potrebbe avere un ruolo da svolgere.