Decomposizione sotto la lente d’ingrandimento

- EN- DE- FR- IT
Lara Indra documenta fotograficamente una carcassa di animale. Le fotocamere son
Lara Indra documenta fotograficamente una carcassa di animale. Le fotocamere sono attaccate al tronco dell’albero e dietro la ricercatrice, mentre a sinistra Ŕ montata una trappola per insetti. Foto: Sandra L÷sch (Dipartimento di Antropologia, IRM, UniversitÓ di Berna)

I ricercatori dell’UniversitÓ di Berna hanno analizzato i processi di decomposizione delle carcasse di maiale depositate in natura. Ci˛ ha dimostrato che il precedente metodo standard per la valutazione della decomposizione deve essere adattato alla Svizzera, con implicazioni per le analisi forensi. Il metodo presentato dai ricercatori dovrebbe ora aiutare a restringere meglio il tempo di decomposizione dei cadaveri.

Un cadavere si decompone con l’aiuto di vari organismi come batteri intestinali, mosche, vermi o scarafaggi, il che rende difficile determinare l’ora della morte dei cadaveri in medicina legale: pi¨ avanzata Ŕ la decomposizione, pi¨ difficile Ŕ determinare l’ora della morte. Diversi metodi mirano quindi a correlare lo stato di decomposizione con il tempo di giacenza del cadavere. A questo scopo, il corpo viene diviso in tre aree - testa e collo, torso ed estremitÓ - e le sue condizioni vengono valutate con un sistema a punti. Le tre aree vengono poi sommate per formare il cosiddetto Total Body Score (TBS).

Con l’aiuto di alcune formule, gli scienziati forensi possono utilizzare questo punteggio corporeo totale per calcolare il periodo di morte nei casi forensi. Tuttavia, questi calcoli sono spesso imprecisi, soprattutto a causa delle condizioni ambientali in cui sono stati trovati i corpi. Sandra L÷sch, del Dipartimento di Antropologia dell’Istituto di Medicina Legale dell’UniversitÓ di Berna, spiega: "╚ quindi necessario effettuare test in condizioni controllate e indagare su queste influenze". In alcuni luoghi, tali test su cadaveri umani sono possibili, ma non nella maggior parte dei Paesi. Vengono quindi utilizzati cadaveri di animali, preferibilmente maiali domestici. Sebbene la decomposizione degli esseri umani e dei maiali differisca per molti aspetti, da questi esperimenti si possono comunque trarre importanti insegnamenti, che possono migliorare i metodi forensi", afferma L÷sch.

Regioni diverse, decomposizione diversa

Uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Forensic Sciences da un team di ricerca internazionale guidato dall’UniversitÓ di Berna ha analizzato i processi di decomposizione dei suini in Svizzera e ha confrontato i risultati con uno studio analogo condotto in Sudafrica. Lara Indra del Dipartimento di Antropologia dell’Istituto di Medicina Legale dell’UniversitÓ di Berna, autrice principale dello studio, spiega: "Non Ŕ sorprendente che i processi di decomposizione differiscano tra Svizzera e Sudafrica. Tuttavia, questa Ŕ la prima volta che siamo riusciti a descrivere le differenze e quindi a sviluppare un modello adatto alla Svizzera".

I ricercatori hanno dimostrato che il modello sudafricano - che ha studiato la decomposizione in un clima caldo e secco in un’area delimitata - non Ŕ adatto alla Svizzera. Le differenze possono essere spiegate dalla rapida e massiccia colonizzazione dei cadaveri svizzeri da parte dei vermi della mosca, nonchÚ dalle frequenti precipitazioni e dagli spazzini come le volpi nell’esperimento bernese. Queste influenze modificano il processo e la durata della decomposizione; i vermi, ad esempio, accelerano notevolmente il processo. I ricercatori dell’UniversitÓ di Berna sono stati i primi ad analizzare sistematicamente il modello sudafricano per la valutazione delle fasi di decomposizione - finora l’unico per le carcasse di maiale esposte in tutto il mondo - per una regione diversa. I risultati mostrano che Ŕ necessario tenere conto delle differenze regionali nei modelli utilizzati per valutare gli stadi di decomposizione. PoichÚ Ŕ proprio questa valutazione a costituire la base per il calcolo del periodo di morte, un modello adeguato aumenta significativamente l’accuratezza", afferma Indra.

Passo dopo passo verso il momento della morte

La decomposizione dei cadaveri dipende dal luogo in cui si decompongono, ad esempio all’aria aperta, esposti o meno alla luce del sole, in un ambiente secco o umido. Gli effetti di queste influenze esterne sul processo di decomposizione devono essere studiati meglio per poter dedurre l’ora del decesso dalle condizioni di un cadavere", spiega Indra. Si tratta di una parte importante del suo lavoro: "A causa delle condizioni naturali della Svizzera, abbiamo regolarmente a che fare con casi forensi che sono rimasti in natura per un lungo periodo di tempo prima di essere trovati", dice L÷sch. Si tratta, ad esempio, di persone morte durante un’escursione in un’area remota e ritrovate solo anni dopo. Da un lato, le autoritÓ cantonali beneficiano di informazioni pi¨ precise sull’ora del decesso quando esaminano i casi, dall’altro i familiari ricevono informazioni pi¨ precise sulla sorte dei loro cari scomparsi", conclude L÷sch.