Antartide: la spedizione ACE completa la sua seconda tappa

      -      English  -  Deutsch  -  Français  -  Italiano
Antartide: la spedizione ACE completa la sua seconda tappa

Con l’arrivo della nave in Cile, la spedizione ACE segna la fine della sua seconda "tappa", caratterizzata da una sosta nel continente di ghiaccio, dalla visita di ecosistemi poco conosciuti grazie a uno sbmersible telecomandato e dalla scoperta di territori poco documentati.La spedizione farà tappa nel continente di ghiaccio, visiterà ecosistemi poco conosciuti con un sommergibile telecomandato e scoprirà territori poco documentati. La terza tappa inizia domenica, con la visita a tre isole remote.

Punta Arenas, Cile. È lì, a circa 13.000 chilometri dalla Svizzera, che sta facendo scalo l’Akademik Treshnikov, la nave scientifica russa che trasporta la Spedizione di circumnavigazione antartica (ACE). L’arrivo in questa cittadina all’estremità meridionale del continente sudamericano segna la fine della seconda delle tre tappe della spedizione. La spedizione, partita da Città del Capo, in Sudafrica, alla fine di dicembre, mira a circumnavigare l’Antartide in 90 giorni con circa 50 scienziati internazionali che conducono 22 progetti di ricerca.

La seconda tappa della spedizione, partita da Hobart, in Australia, il 22 gennaio, è stata particolarmente ricca di eventi e scoperte scientifiche. Fu l’unico dei tre ad atterrare direttamente sul continente antartico, sul ghiacciaio Mertz. Situato a est, questo ghiacciaio ha una lingua che si estende nell’Oceano meridionale, una parte della quale - un pezzo di ghiaccio lungo circa 80 km - si è staccata nel 2010.

Mentre alcuni team hanno prelevato carote di ghiaccio dal retro del ghiacciaio per poter leggere la sua storia climatica (grazie alla presenza di gas e altre particelle), altri hanno scoperto la sua parte inferiore. Utilizzando un sommergibile dotato di telecamere e bracci telecomandati, i ricercatori sono stati in grado di osservare ciò che si trova sotto la lingua e di riportare alla luce diversi campioni. L’analisi di questi organismi - spugne, plancton, stelle fragili, krill, ecc. - L’analisi di questi organismi - spugne, plancton, stelle fragili, krill, ecc. - mira a comprendere meglio come questi ecosistemi si evolvono e si adattano ai cambiamenti climatici.

Gli scienziati hanno anche scoperto diverse isole completamente disabitate, come quelle dell’arcipelago di Balleny o la piccola Scott Island, dove hanno effettuato numerosi campionamenti, mappature e indagini ornitologiche.

In questa fase sono stati apportati diversi cambiamenti al programma. A causa di una tempesta, la sosta prevista a Macquarie Island è stata annullata e quella a PierreI Island è stata accorciata. Tuttavia, è stata effettuata una sosta non prevista a Mount Siple, un’isola vulcanica vicina alla terraferma e parzialmente ghiacciata. Le misurazioni e i campioni prelevati in questo sito sono tanto più interessanti in quanto è stato visitato molto raramente ed è quindi scarsamente documentato.

Tre isole in programma per la tappa 3

Dopo l’arrivo a Punta Arenas mercoledì, la nave partirà domani per la terza e ultima tappa della spedizione. Il programma non prevede più sommergibili o soste sul continente. Ma la maggior parte dei progetti continuerà, con molte misurazioni oceaniche e anche terrestri, grazie alla visita di tre isole sub-antartiche.

Il primo è anche il più grande, la Georgia del Sud, un territorio britannico molto montagnoso. Il secondo è un arcipelago vulcanico dal nome affamato: le Isole Sandwich. Dal punto di vista scientifico, entrambi i luoghi sono di particolare interesse per la loro vegetazione e fauna. Le isole sono importanti zone di nidificazione per molte specie di uccelli.

La terza tappa è prevista all’isola di Bouvet. Gestito dalla Norvegia, questo pezzo di terra di circa 50 km2, interamente coperto da una spessa calotta di ghiaccio, è uno dei più remoti al mondo. I suoi unici abitanti sono elefanti marini, foche, uccelli e pinguini. L’unico modo per raggiungerlo è l’elicottero.

Il 19 marzo, la spedizione ACE arriverà a Città del Capo, in Sudafrica, concludendo il suo tour dell’Antartide. Ma il progetto è tutt’altro che concluso. Una relazione e i primi risultati scientifici saranno presentati alla stampa il giorno successivo. Risultati più dettagliati saranno presentati anche in occasione di conferenze che si terranno nel corso dell’anno.

Da seguire su www.spi-ace-expedition.ch

L’inviato speciale al centro dell’avventura

Il Servizio Comunicazione dell’EPFL ha potuto cogliere l’opportunità di inviare uno dei suoi giornalisti in una spedizione ai confini del mondo. Sarah Perrin, che ha scritto l’articolo qui sopra, è volata a Punta Arenas, in Cile, martedì. Con taccuino, macchina fotografica e antiemetici in tasca, seguirà la vita quotidiana dei ricercatori e dei membri dell’equipaggio durante le tre settimane della "tappa 3". I suoi articoli e le sue relazioni ci verranno generalmente inviati di notte, poiché le comunicazioni informatiche a bordo del Treshnikov sono riservate principalmente al lavoro scientifico diurno.

I redattori non vedono l’ora di seguire le avventure di Sarah in Antartide in tempo quasi reale, e noi non vediamo l’ora di condividerle con voi, attraverso il blog spi-ace-expedition.ch e i social network dell’ACE e dell’EPFL.

Emmanuel Barraud, caporedattore


Questo sito utilizza cookie e strumenti di analisi per migliorare l'usabilità del sito. Maggiori informazioni. |