Danni del bostrico tipografo in continuo aumento

- EN- DE- FR- IT
Danni del bostrico tipografo in continuo aumento
Come nel 2022, nel 2023 è stato necessario abbattere un numero maggiore di abeti rossi infestati dal bostrico tipografo rispetto all’anno precedente. Questa tendenza ha interessato in particolare i cantoni di Neuchâtel, Soletta e Vaud. Anche il numero di focolai osservati ha continuato ad aumentare. Lo riporta Protezione della foresta svizzera, il servizio di informazione dell’Istituto Federale di Ricerca WSL.

Nel 2023, con un volume totale di 436.563 m3 , la Svizzera ha registrato un aumento di circa l’8% nel numero di tagli forzati causati dal bostrico tipografo rispetto all’anno precedente. L’aumento del numero di focolai d’infestazione è stato ancora più evidente, con 9.493 focolai, un incremento del 14% rispetto all’anno precedente. Allo stesso modo, il volume totale stimato di legno di abete rosso infestato dal bostrico tipografo è aumentato di circa il 10%, raggiungendo i 713.210 m3. Questa cifra è calcolata sulla base dei tagli forzati effettivi in estate e dei valori stimati per i tagli forzati in inverno e per il legname in piedi infestato, basati su valori empirici degli ultimi 20 anni. Queste stime sono necessarie perché le due variabili non vengono rilevate fino all’anno successivo. Nel 2023 sono state raccolte in tutta la Svizzera 1.278 trappole a feromoni specifiche per il bostrico dell’abete rosso. Il numero medio di coleotteri catturati per trappola è stato di 24.577, con un aumento di circa il 77% rispetto all’anno precedente.

Nell’ultimo numero di " Waldschutz aktuell "*, una e pubblicazione indirizzata ai servizi forestali e le autorità, gli esperti del WSL spiegano i retroscena e le prospettive del più noto parassita forestale della Svizzera. Parlano anche dell’Anobio dell’abete rosso, che a volte lascia segni di infestazione simili a quelli del bostrico tipografo, ma non provoca danni all’albero.

* = Waldschutz aktuell in tedesco o Protection des forêts - Actualité in francese esce due a tre volte con temi d’attualità fitosanitaria nel bosco.