"Poeta della risonanza": pubblicata la prima grande biografia di Hofmannsthal

- EN- DE- FR- IT
Con "Jedermann - Das Spiel vom Sterben des reichen Mannes" (1911), Hug
Con "Jedermann - Das Spiel vom Sterben des reichen Mannes" (1911), Hugo von Hofmannsthal creò un classico dei festival che viene rappresentato ancora oggi al Festival di Salisburgo, di cui fu co-fondatore. (L’uomo e la morte, 2014. Foto: Francisco Peralta Torrejón/Wikimedia | CC BY 3.0)
In occasione del 150° compleanno di Hugo von Hofmannsthal, è ora disponibile la prima biografia completa dello scrittore austriaco. L’ampio volume è stato scritto all’Università di Basilea.

Un libro di oltre 900 pagine giace sul tavolo. Elsbeth Dangel-Pelloquin e Alexander Honold sono appena tornati dalle letture in Germania e Austria. La loro biografia di Hugo von Hofmannsthal (1874-1929) ha finora ricevuto una risposta quasi unanimemente positiva da parte degli esperti e del pubblico. Il volume sulla vita e l’opera dello scrittore austriaco diventerà probabilmente un’opera standard in futuro.

Hofmannsthal, che già a 17 anni attirava l’attenzione nei caffè letterari, è considerato un rappresentante del simbolismo e del modernismo viennese con le sue poesie e i suoi drammi. In seguito, dopo la poesia dei primi anni, sperimentò nuove forme di teatro musicale.

Le sue opere più conosciute includono testi d’opera come "Elektra", "Der Rosenkavalier" e "Ariadne auf Naxos", che scrisse con il compositore e amico Richard Strauss. Hofmannsthal fu cofondatore del Festival di Salisburgo, dove il suo "Jedermann" viene tuttora rappresentato ogni anno. È ricordato anche per le sue critiche al linguaggio, ad esempio quando le parole di uno scrittore di lettere "si sbriciolano in bocca come funghi ammuffiti".

Gran parte della sua opera è ancora in gran parte sconosciuta al pubblico. L’opera letteraria dell’austriaco, che scrisse anche saggi e mantenne un’ampia corrispondenza, comprende circa 1.300 testi, schizzi e piani di lavoro. In totale, le opere dell’edizione critica completa occupano 28.500 pagine stampate, distribuite in 40 volumi pesanti. L’ultimo di questi è stato pubblicato solo due anni fa dalla stessa casa editrice S. Fischer che ha pubblicato le opere di Hofmannsthal durante la sua vita.

Perché la prima grande biografia è disponibile solo ora, a quasi un secolo dalla morte dello scrittore? In realtà il materiale è disponibile da tempo, dice la Dangel. L’autrice ipotizza che la sua enorme portata possa aver impedito a molti di scrivere un resoconto completo.

Ci sono buone ragioni per cui questo importante studio biografico viene ora condotto dai ricercatori dell’Università di Basilea: Qui, presso il Dipartimento di Filologia tedesca, sono stati prodotti importanti lavori sullo scrittore e sul suo tempo, sulla scia degli esperti di Hofmannsthal Martin Stern e Karl Pestalozzi.

Mondi vitali e letture

Durante gli oltre tre anni di lavoro, Dangel e Honold hanno affrontato il classico moderno Hofmannsthal in due modi: Mentre lei ha tracciato i mondi vitali e lo sviluppo letterario di Hofmannsthal, lui si è dedicato a opere selezionate sotto il titolo "Letture". La biografia può visualizzare la versatilità dello scrittore in tutta la sua pienezza, dicono i due. Egli iniziava sempre nuovi progetti, il che ha portato al ritrovamento di un gran numero di frammenti di testo nel suo patrimonio.

La biografia chiarisce anche il modo enfaticamente cooperativo di Hofmannsthal di lavorare: secondo Honold, fu uno dei primi a mantenere "reti produttive" con altri artisti e a coltivare amicizie. Dangel definisce inoltre Hofmannsthal un "poeta della risonanza". Dotato di una grande sensibilità per il linguaggio, visse anche fasi depressive e il blocco dello scrittore.

Secondo Honold, Hofmannsthal non era solo un tradizionalista che piangeva la caduta dell’Impero asburgico e non era in grado di affrontare le nuove circostanze, come si è ritenuto a lungo: Dopo la prima guerra mondiale, lo scrittore si adattò certamente ai cambiamenti e in molti casi aprì nuove strade artistiche.

Il titolo della biografia, "Boundless Transformation", intende racchiudere tutto questo, secondo il duo di autori: gli sconvolgimenti politici dell’epoca, la natura frammentaria della sua opera e il costante superamento dei confini di genere per includere l’arte visiva e la danza. Il titolo vuole anche alludere alla personalità dello scrittore, che si è costantemente ridisegnato. Possiamo vivere la nostra vita solo nel cambiamento", scrisse una volta Hofmannsthal in una delle sue commedie.