Morbidezza, mistero e abilità tecnica

- FR- IT
Talento, abilità e un pizzico di fortuna: ecco cosa ci voleva per catturare ques
Talento, abilità e un pizzico di fortuna: ecco cosa ci voleva per catturare questo momento. La giuria è stata unanime nel decretare questa foto come vincitrice del concorso fotografico 2022 dell’Istituto ornitologico svizzero. foto © Mateusz Piesiak

La qualità delle foto presentate al concorso dell’Istituto ornitologico svizzero è in costante aumento, rendendo la scelta ancora più difficile. Tuttavia, la giuria è stata unanimemente colpita dalla perfezione della fotografia tecnica di varie specie di uccelli acquatici nei toni del bianco e del grigio.

Sempach. - Una garzetta tra uno stormo di gabbiani. Questa è la foto del vincitore, Mateusz Piesiak. La magistrale ripresa presenta tre piani di lettura e diversi livelli di nitidezza e morbidezza, un’impresa difficile da realizzare. Ciò è reso possibile dal progresso tecnico, che ci permette di scattare foto sempre migliori, come spiega Martin Wieser, rappresentante di Canon e membro della giuria. Anche la rondine di Adrian Schmid, che si è aggiudicata il primo posto nella categoria "Azione", è stata una dimostrazione tecnica che la giuria ha definito "perfetta".

La fotografia naturalistica è molto varia e presenta anche aspetti più artistici e interattivi, come dimostra la foto di Agnieszka Florczyk, vincitrice della categoria "Generale". La fotografa naturalista e membro della giuria Mel Weber dice: "È come un gioco! Più si osserva l’immagine, più si scoprono cose nuove. La giuria ha avuto parole di elogio anche per la foto di una coppia di cicogne di Matt Engelmann, che si è aggiudicata il primo posto nella categoria "Emozioni": "Atmosfera romantica, luce soffusa, senso di calma" sono le parole scelte per descrivere l’immagine, classificata settima.

Ma è importante rimanere con i piedi per terra: scegliendo di premiare fotografie forti - alcune delle quali mostrano la morte - nella categoria "Uccelli e persone", i membri della giuria vogliono sottolineare la mancanza di rispetto che l’uomo può avere nel suo rapporto con la natura. L’allocco morto nella foto del vincitore László Tóth potrebbe essere un triste presagio di ciò che accadrà alle nostre società se non agiamo subito per proteggere la biodiversità?