L’istituzione dello Stato di diritto è fondamentale per l’Ucraina del dopoguerra

- EN- DE- FR- IT
L’istituzione dello Stato di diritto è fondamentale per l’Ucraina de

Uno studio della ZHAW e di CASE Ukraine mostra come la ricostruzione economica potrebbe avere successo dopo la fine della guerra in Ucraina. L’area di riforma più importante è l’istituzione di uno Stato di diritto funzionante.

La guerra infuria in Ucraina da 14 mesi. Allo stesso tempo, si lavora intensamente sul futuro del Paese nel dopoguerra. Secondo lo studio "Economic priorities in post-war Ukraine", l’assenza dello Stato di diritto in Ucraina è uno dei maggiori fallimenti. Secondo gli autori dello studio, provenienti dalla ZHAW School of Management and Law e dal CASE Ukraine (Center for Social and Economic Search), l’Ucraina del dopoguerra dovrebbe quindi dare priorità alla creazione di uno Stato di diritto funzionante. Ciò include la riforma del sistema giudiziario, il rafforzamento dei diritti di proprietà e il proseguimento del processo di decentramento. "Tra tutte le riforme economiche, l’istituzione dello Stato di diritto sarà la chiave del successo", afferma Christopher Hartwell, direttore dell’International Management Institute della ZHAW. "A trent’anni dall’indipendenza, non è stata raggiunta la qualità delle istituzioni giudiziarie e di applicazione della legge che la Polonia, la Slovacchia o gli Stati baltici avevano già all’inizio delle loro riforme di mercato nei primi anni ’90".

Da un’economia di guerra a un’economia di mercato

Secondo lo studio, durante la transizione da un’economia di guerra a un’economia di mercato, anche quasi tutti gli aspetti dell’interazione con il governo dovrebbero essere semplificati. Nel campo della tassazione, ad esempio, si dovrebbe spostare l’onere della prova dal contribuente all’autorità fiscale. Inoltre, le licenze e i permessi dovrebbero essere eliminati laddove non sono assolutamente necessari e le riforme di decentramento devono essere portate avanti. Ciò non solo promuoverà la continuità dell’assistenza straniera alla ricostruzione, ma faciliterà anche gli investimenti necessari alla crescita economica. Tali misure aiuteranno inoltre l’Ucraina a proseguire sulla strada dell’integrazione europea, anche se l’adesione all’Unione Europea rimane un obiettivo a lungo termine. "La sopravvivenza dell’Ucraina come Stato indipendente dipenderà in larga misura dall’attuazione di queste coraggiose riforme politiche. Sarà necessaria una notevole volontà politica per raggiungere questo obiettivo", spiega Hartwell.

L’integrazione europea come catalizzatore

Lo status di candidato ufficiale all’adesione all’UE nel giugno 2022 può essere ricondotto a sforzi di integrazione di lunga data, iniziati nel 1994 e che hanno raggiunto un primo picco nel 2014 con l’Accordo di associazione. In questo modo sono state portate avanti importanti riforme per la modernizzazione del Paese: Sono stati fissati obiettivi chiari per l’attuazione del decentramento, della riforma della pubblica amministrazione o della riforma giudiziaria. I maggiori risultati ottenuti dall’Ucraina dal 2014 sono stati ottenuti nell’area commerciale dell’accordo, ad esempio con la riduzione delle tariffe e l’eliminazione delle barriere non tariffarie per le esportazioni ucraine verso l’UE. Il grado di attuazione del Piano d’azione 2014-2024 dell’Accordo di associazione da parte dell’Ucraina alla fine del 2022 è stimato tra il 49 e il 66%. Ciononostante, l’Ucraina è riuscita a ottenere lo status di candidato all’UE. Tuttavia, rimangono alcuni problemi di riforma per eventuali negoziati di adesione.

Sforzi di riforma congelati

Dal 2014 sono stati raggiunti molti risultati in Ucraina. Secondo lo studio, gli sviluppi "congelati" dovrebbero essere ripresi. L’istituzione dello Stato di diritto, la persistente debolezza della pubblica amministrazione e il ruolo dominante dello Stato - e l’interferenza politica che questo consente - sono ancora i problemi più centrali. Ciò significa che alcuni degli impegni presi dall’Ucraina durante il processo di avvicinamento all’UE non sono ancora stati rispettati. Si tratta di decisioni politiche e normative complesse, come la legislazione anti-oligarchica, l’attuazione della legislazione anti-monopolio o un migliore accesso ai finanziamenti per la ricostruzione.

L’attuazione richiede determinazione

Il team dello studio "Priorità economiche nell’Ucraina del dopoguerra" concorda sul fatto che l’attuazione di queste riforme economiche sarà impegnativa. Soprattutto nella lotta alla corruzione, c’è una grande resistenza. È quindi necessario mostrare una forte volontà di riforma. "Le ampie indagini anticorruzione durante la guerra e i relativi licenziamenti nel gennaio 2023 potrebbero essere un segnale positivo che il cambiamento necessario per un futuro stabile dell’Ucraina è possibile", conclude Hartwell.