L’Atlante dei suoli mostra la distribuzione degli elementi chimici nei suoli svizzeri

Dai dati di punto alle mappe raster. © swisstopo, Agroscope J. Reusser
Dai dati di punto alle mappe raster. © swisstopo, Agroscope J. Reusser
Agroscope e l’Ufficio federale dell-ambiente hanno pubblicato il primo Atlante geochimico dei suoli svizzeri, che fornisce una visione d’insieme della distribuzione su vasta scala di 20 elementi chimici presenti naturalmente nei suoli della Svizzera. L’Atlante dei suoli è uno strumento che le sezioni cantonali di protezione del suolo possono utilizzare per valutare il deterioramento dei suoli e adottare eventuali provvedimenti.

Un suolo sano è essenziale per la vita sulla e nella terra. Per proteggerlo è fondamentale conoscerne la composizione. Con l’Atlante geochimico dei suoli Agroscope e l’Ufficio federale dell-ambiente hanno realizzato per la prima volta una panoramica a livello nazionale dei 20 elementi chimici e del loro tenore nei suoli svizzeri (v. sotto). Alcuni elementi sono importanti per la fertilità dei suoli, altri rappresentano fonti di inquinamento se presenti in concentrazioni troppo elevate, per esempio il rame o lo zinco. Il nuovo atlante è uno strumento importante per la protezione del suolo nei Cantoni e a livello nazionale.

Differenze regionali e hotspot

Le misurazioni hanno rivelato concentrazioni degli elementi paragonabili a quelle dei suoli europei. A livello regionale emergono notevoli differenze, con tenori spesso alti di elementi nel Giura e nelle Alpi centro-orientali rispetto al resto della Svizzera. Le aree con concentrazioni relativamente elevate sono tuttavia in gran parte limitate a hotspot conosciuti, in cui sono già state condotte o sono tuttora in corso ulteriori indagini sulla possibile presenza di sostanze inquinanti. Nella maggior parte dei siti esaminati le concentrazioni misurate rientrano in un intervallo ritenuto sicuro. Gli elementi nei soprassuoli dell-Altopiano presentano piuttosto tenori medio-bassi, soprattutto di zolfo, elemento considerato essenziale, necessario per la produzione agricola, per esempio della colza. Non si esclude che in futuro debba essere maggiormente utilizzato come fertilizzante nell-Altopiano, ma occorreranno ulteriori studi al riguardo.

Informazioni non delimitate per parcelle

L’Atlante geochimico dei suoli si basa su analisi pedologiche condotte in una scala spaziale di circa un sito per ogni 35 km2, quindi non è possibile estrapolare informazioni su singole parcelle. La distribuzione regionale delle concentrazioni di elementi è visualizzata in mappe consultabili sul sito dell-Ufficio federale di topografia swisstopo e su geocat.ch, il catalogo dei dati geografici della Svizzera. Le autorità si servono di queste mappe come base per determinare le aree nelle quali è necessario svolgere ulteriori indagini.

L’Atlante geochimico dei suoli è attualmente disponibile in forma elettronica in tedesco. Sarà pubblicato in francese, inglese e italiano nonché in forma stampata nel mese di marzo del 2024.

A cosa serve l’Atlante geochimico dei suoli?

L’Atlante geochimico dei suoli è stato realizzato per rispondere all-esigenza dei Cantoni di una base di dati armonizzata a livello nazionale sulle aree con livelli potenzialmente elevati di contaminazione di fondo. Ai Cantoni compete infatti osservare e valutare il deterioramento dei suoli. Inoltre, conoscere i tenori tipici degli oligoelementi nei soprassuoli della Svizzera è essenziale per aggiornare i valori limite nell-ordinanza contro il deterioramento del suolo (O Suolo). L’Atlante geochimico dei suoli svizzeri è stato commissionato dall-Ufficio federale dell-ambiente, in collaborazione con un gruppo di lavoro degli uffici cantonali dell-ambiente, un gruppo di ricercatori di Agroscope, il Politecnico di Zurigo e l’Istituto di ricerca sull-acqua Eawag. Sono stati misurati i seguenti elementi: antimonio, arsenico, cadmio, calcio, cobalto, cromo, ferro, magnesio, manganese, mercurio, molibdeno, nichel, piombo, rame, sodio, tallio, uranio, vanadio, zinco e zolfo.

Reto Meuli
Responsabile del gruppo di ricerca nazionale sul monitoraggio del suolo NABO
Agroscope, Reckenholzstrasse 191, 8046 Zurigo

Servizio media Agroscope
media@agroscope.admin.ch
+41 58 466 88 62

Servizio media dell-Ufficio federale dell-ambiente UFAM
medien@bafu.admin.ch
+41 58 462 90 00