Molti lavoratori ritengono che il loro lavoro sia inutile

- EN- DE- FR- IT
 (Immagine: Pixabay CC0)
(Immagine: Pixabay CC0)

Uno studio sociologico dell’Università di Zurigo conferma che una percentuale considerevole di occupati percepisce il proprio lavoro come socialmente inutile. I lavoratori delle professioni finanziarie, commerciali e manageriali tendono a concludere più spesso che il loro lavoro è poco utile alla società.

Gli studi condotti negli ultimi anni dimostrano che molti professionisti considerano il loro lavoro socialmente inutile. Sono state proposte diverse spiegazioni per questo fenomeno. La tanto discussa "teoria dei lavori di merda" dell’antropologo americano David Graeber, ad esempio, afferma che alcuni lavori sono oggettivamente inutili e che ciò si verifica più spesso in alcuni settori professionali che in altri.

Altri studi partono dal presupposto che i lavori specifici non sono rilevanti per la valutazione negativa dei dipendenti e che le persone percepiscono il proprio lavoro come socialmente inutile se soffrono di cattive condizioni di lavoro e di alienazione. Tuttavia, questa è solo una parte della verità, come dimostra un nuovo studio del sociologo Simon Walo dell’Università di Zurigo. Per la prima volta, sostiene la rilevanza dei campi occupazionali in modo quantitativo.

I lavori d’ufficio sono colpiti quasi due volte di più

Nel suo studio, Walo ha analizzato i dati di un sondaggio condotto su 1811 persone negli Stati Uniti che lavorano in 21 diverse occupazioni, alle quali è stato chiesto se il loro lavoro li facesse "sentire come se stessero dando un contributo positivo alla società" e se "sentissero di fare un lavoro utile". I dati dell’indagine del 2015 mostrano che il 19% degli intervistati in tutte le professioni ha risposto "mai" o "raramente" a queste domande.

Walo ha analizzato questi dati confrontando professionisti con condizioni di lavoro simili. Ha scoperto che le occupazioni hanno un impatto sulla percezione di inutilità quando le condizioni di lavoro sono escluse come fattore. Così, i lavoratori in occupazioni che Graeber aveva classificato come particolarmente inutili avevano le risposte più negative. I lavoratori del settore finanziario e delle vendite, ad esempio, avevano una probabilità più che doppia rispetto agli altri di affermare di considerare il proprio lavoro socialmente inutile. Anche i dirigenti e gli impiegati erano nettamente diversi (rispettivamente 1,6 e 1,9 volte più spesso degli altri).

I lavori nel settore privato sono più spesso percepiti come inutili

I dati originali presentati da Graeber erano principalmente di natura qualitativa, il che rendeva difficile valutare la portata del problema", spiega Walo. Questo studio amplia le analisi esistenti attingendo a un set di dati completo e sottoutilizzato proveniente dagli Stati Uniti. È quindi il primo studio a fornire prove statistiche del fatto che anche il campo occupazionale può essere cruciale per la valutazione della significatività".

Inoltre, Walo ha rilevato che la percentuale di lavoratori che considerano il proprio lavoro socialmente inutile è più alta nel settore privato che in quello pubblico o no-profit.

Lavori sbagliati: un fenomeno complesso

Lo studio di Walo conferma anche altri fattori che influenzano la percezione del proprio lavoro, tra cui l’alienazione, le condizioni di lavoro sfavorevoli o l’interazione sociale. La valutazione dei dipendenti sul fatto che il loro lavoro sia percepito come socialmente inutile è una questione molto complessa che deve essere affrontata da diversi punti di vista", conclude l’autore. Dipende da vari fattori che non hanno necessariamente a che fare con l’effettiva utilità del lavoro, come sostiene Graeber. Ad esempio, le persone possono considerare il loro lavoro socialmente inutile anche perché le condizioni di lavoro sfavorevoli lo fanno sembrare inutile".

Letteratura:

Simon Walo: "Stronzate" dopo tutto? Perché le persone considerano il loro lavoro socialmente inutile. Lavoro, occupazione e società. 21 luglio 2023. DOI: 10.1177/09500170231175