Rendere la conoscenza pratica e più trasparente

La protezione delle piante dovrebbe diventare più sostenibile grazie alle conosc
La protezione delle piante dovrebbe diventare più sostenibile grazie alle conoscenze scientifiche.

Come promuovere l’uso delle conoscenze scientifiche nella politica e nella pratica per rendere la protezione delle colture più sostenibile? Uno studio interdisciplinare a cui hanno partecipato cinque istituti di ricerca svizzeri identifica importanti ostacoli e propone un pacchetto di misure per superarli.

"a" Quando si parla di protezione delle piante, sono coinvolti numerosi attori. Si tratta di agricoltori, produttori di prodotti fitosanitari, grossisti, consumatori, gruppi di interesse e consiglieri nazionali: in altre parole, persone o organizzazioni che assumono ruoli politici o fanno parte della catena del valore agricolo. A seconda delle motivazioni e degli interessi, il loro approccio alle scoperte scientifiche, note come prove, varia in modo sostanziale. Gli attori orientati al significato vogliono combinare le nuove conoscenze con le loro convinzioni ed esperienze esistenti. Gli attori che massimizzano i benefici usano le prove in modo strategico per promuovere i loro interessi. Gli attori che cercano la verità prendono decisioni basate sulle migliori prove disponibili.

"Nel nostro studio, sviluppiamo e consideriamo questi tre modelli di attori attraverso diversi livelli di utilizzo delle prove", spiega il ricercatore Benjamin Hofmann e sottolinea: "Per noi è importante non valutare le motivazioni degli attori". A seconda del modello, emerge un’ampia varietà di ostacoli a una politica e a una pratica fitosanitaria basate sull’evidenza. "Non abbiamo raccolto dati noi stessi, ma ci siamo basati su altri studi che hanno fatto luce su alcune parti di questo problema e abbiamo messo insieme lo stato attuale delle conoscenze", spiega Hofmann, illustrando il lavoro del consorzio del progetto interdisciplinare, che comprende l’Istituto federale di scienze e tecnologie acquatiche (Eawag), il Politecnico di Zurigo, l’Università di Berna, l’Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) e l’Istituto di ricerca sull’agricoltura biologica (FiBL).

Verità, senso o beneficio

Uno dei maggiori ostacoli per gli attori in cerca di verità è l’incertezza, dovuta alla mancanza di conoscenza. "Ad esempio, è difficile e lungo dimostrare il nesso causale tra l’uso di alcuni pesticidi e malattie croniche come il cancro", spiega Hofmann. Per gli attori orientati al senso, la conoscenza deve corrispondere all’esperienza pratica. Ad esempio, è più probabile che gli agricoltori decidano di usare meno pesticidi se conoscono esempi di successo di altre aziende.

Gli attori che massimizzano i benefici usano i loro interessi per influenzare quali prove vengono prese in considerazione nelle decisioni e quali effetti hanno. "Uno studio ha dimostrato che gli agricoltori utilizzano meno pesticidi chimici per combattere un nuovo parassita quando si avvalgono di servizi di consulenza pubblici rispetto a quelli privati", afferma Hofmann: "Naturalmente, ciò può essere spiegato da considerazioni commerciali. Ma non si tratta affatto di denunciare gli attori, dice, bensì di trovare soluzioni ampiamente sostenute e democraticamente legittimate per superare gli ostacoli. "Vogliamo trovare dei compromessi e ampliare il dialogo tra i vari attori e la scienza", afferma il ricercatore.

Il team propone un mix di misure per superare gli ostacoli. "Per gli attori in cerca di verità, ci dovrebbe essere una maggiore cooperazione interdisciplinare, una rete di conoscenze globali e locali e, soprattutto, una sintesi più rapida dello stato attuale delle conoscenze", afferma Hofmann. Per gli attori in cerca di significato, invece, è necessaria una maggiore ricerca transdisciplinare, in modo da collegare più strettamente scienza e pratica. "Non ci sono solo prove scientifiche, ma anche conoscenze esperienziali", afferma il ricercatore: "Bisogna coinvolgere gli attori stessi nel processo di ricerca". Se si sa come soppesano i diversi obiettivi, è più facile trovare soluzioni di compromesso.

Aumentare la trasparenza

"È necessaria una maggiore trasparenza tra gli attori che massimizzano i benefici", afferma Hofmann: "Dobbiamo fare in modo che questo uso strategico delle prove diventi visibile più rapidamente, se non può essere evitato". Il team propone che tutti i dati raccolti con fondi pubblici siano accessibili al pubblico. Nel caso di decisioni politiche, la documentazione deve garantire che sia chiaro su cosa si basano i decisori, quali studi sono stati presi in considerazione, chi li ha commissionati e come sono stati finanziati.

Con il loro lavoro, i ricercatori intendono avviare una discussione generale sugli ostacoli alle politiche e alle pratiche basate sull’evidenza, che non si limita alla protezione delle piante. "Gli stessi problemi si pongono per la protezione del clima o della biodiversità", afferma Hofmann. Anche in questo caso è necessario sapere quali attori sono coinvolti e comunicare le evidenze scientifiche di conseguenza, ma anche chiedere ai responsabili politici di creare condizioni quadro come una maggiore trasparenza.