Cambiamenti climatici e... acqua

- EN- DE- FR- IT
Il letto prosciugato del fiume Töss. (Foto: Gottardo Pestalozzi / WSL)
Il letto prosciugato del fiume Töss. (Foto: Gottardo Pestalozzi / WSL)
Più periodi di siccità in estate e in autunno, ma allo stesso tempo - per quanto paradossale possa sembrare - un aumento del rischio di inondazioni e meno neve in inverno nel lungo periodo. Il cambiamento climatico sta alterando il bilancio idrico della Terra.

La Svizzera è diventata secca Secondo uno studio dell’SLF, negli ultimi decenni la durata della siccità è diminuita, ma la sua intensità è aumentata - in tutta la regione alpina. Un confronto a lungo termine mostra anche che la mancanza di neve è stata responsabile di bassi livelli d’acqua nei corsi d’acqua svizzeri circa il 15% in più tra il 1994 e il 2017 rispetto al periodo 1970-1993. Se non c’è neve in inverno, c’è il rischio di siccità nell’estate successiva se non ci sono anche precipitazioni.

La mancanza di precipitazioni è la principale responsabile della mancanza di neve. Tuttavia, le temperature più calde causate dai cambiamenti climatici stanno aggravando la situazione. Se in inverno fa troppo caldo e piove invece di nevicare, anche questo ha un effetto negativo: Le precipitazioni non vengono temporaneamente intrappolate nella neve, ma gran parte dell’acqua finisce direttamente nei fiumi e nei laghi e defluisce. Di conseguenza, l’effetto regolatore dello scioglimento delle nevi sul bilancio idrico viene meno, sia in montagna che in pianura.


Il cambiamento climatico aggrava il problema con un altro aspetto: con l’aumento del caldo, evapora più acqua e il suolo e i letti dei fiumi si asciugano più rapidamente. Non c’è alcun cambiamento in vista, anzi. Secondo i ricercatori dell’SLF, questa tendenza continuerà in futuro.

Ciò ha un ulteriore effetto: quando la pioggia cade, cade su terreni duri e secchi e drena rapidamente. Il rischio di inondazioni aumenta. Il gruppo di ricerca sull’idrologia e gli impatti climatici nelle regioni montane dell’SLF sta quindi studiando, tra le altre cose, il legame tra siccità e inondazioni. A lungo termine, questo aiuta le comunità a proteggersi meglio dagli eventi estremi.

Ma non si tratta solo di proteggere le persone dagli eventi estremi. I periodi di siccità hanno anche conseguenze economiche. Questo è evidente nell’agricoltura e nella silvicoltura. In estate e in autunno, le piante soffrono per la siccità, dalle erbe e dagli arbusti agli alberi. Inoltre, quando i livelli idrici sono bassi, i Cantoni possono vietare l’estrazione dell’acqua. Le aziende agricole non possono quindi prelevare acqua per l’irrigazione. Lo stesso vale per i proprietari di giardini.


I ricercatori del WSL prevedono anche problemi in quota. L’agricoltura alpina funziona solo se c’è abbastanza acqua dolce. Se questa non si verifica, la stagione finisce prima, come è successo nel 2022. Nel 2018, anch’esso secco, gli agricoltori hanno dovuto addirittura abbattere parte del bestiame.

Anche per l’industria dell’energia elettrica sta diventando scarsa. In assenza di precipitazioni, la produzione delle centrali idroelettriche diminuisce. Questo perché i livelli dei serbatoi si abbassano. Anche i corsi d’acqua, soprattutto il Reno, sono importanti per la Svizzera. I porti di Basilea, infatti, sono il principale punto di trasbordo delle merci in Svizzera. I bassi livelli dell’acqua costringono le navi a viaggiare più lentamente e a caricare meno.



Advert