Cambiamento climatico e... foresta

- EN- DE- FR- IT
Pini morti vicino a Visp nella primavera del 2017 (Foto: Andreas Rigling, WSL)
Pini morti vicino a Visp nella primavera del 2017 (Foto: Andreas Rigling, WSL)
Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL

I cambiamenti climatici modificheranno in modo significativo la foresta svizzera. Ciò potrebbe mettere a rischio importanti servizi forestali per l’uomo, come il legno quale materia prima o la protezione dai pericoli naturali. Il WSL studia questi cambiamenti, sviluppa scenari e propone soluzioni al settore forestale e alla popolazione.

Il cambiamento climatico sta procedendo molto più rapidamente nelle Alpi che in altre regioni del mondo. In futuro, alcune specie arboree non potranno più prosperare in modo ottimale nei luoghi in cui si trovano attualmente, tra cui l’abete rosso, importante dal punto di vista economico, e, in alcune località, il faggio, attualmente predominante sull’Altopiano centrale, o il pino silvestre, diffuso nel Vallese. Ciò si ripercuote sulla resa e sul reddito da legname, sull’effetto protettivo della foresta contro i pericoli naturali, sulla biodiversità e sul paesaggio. Il rischio che la foresta futura sia meno in grado di fornire servizi importanti per l’uomo a causa dei cambiamenti climatici è in rapido aumento.


Dagli anni ’90, i pini silvestri stanno morendo in Vallese perché il clima sta diventando troppo secco per loro. Dal 2003 i ricercatori del WSL studiano i processi ecosistemici nella Pfynwald, una foresta particolarmente secca di pini i vicino a Leuk. Tra le altre cose, stanno irrigando alcune aree di prova con irrigatori, raddoppiando così le precipitazioni naturali di circa 600 mm e quindi anche la quantità di acqua del suolo disponibile per gli alberi. Una prova in cui l’irrigazione è stata interrotta dopo 10 anni ha dimostrato che i pini hanno beneficiato della maggiore disponibilità di acqua. Per diversi anni sono cresciuti in modo più vigoroso di quanto il clima secco ci avrebbe fatto pensare. I pini trasmettono la loro "esperienza" anche alla generazione successiva: se gli alberi genitori erano abituati alla siccità, anche la prole affronta meglio la riduzione dell’acqua.

Con l’avanzare dei cambiamenti climatici e l’aumento delle estati calde, sta emergendo una nuova minaccia: l’aumento delle temperature dell’aria sta prosciugando non solo il suolo, ma anche l’aria. Questa secchezza atmosferica esercita un’ulteriore pressione sugli alberi e "succhia" più acqua - gli alberi quindi evaporano di più. I ricercatori del WSL stanno studiando questo fenomeno con un nuovo esperimento all’aperto, unico nel suo genere. Oltre agli irrigatori, stanno installando anche ugelli di vapore acqueo per manipolare la secchezza dell’aria e del suolo in combinazione e capire meglio come questi due fattori influenzino gli alberi e la foresta.

Il cambiamento climatico procede più rapidamente di quanto l’ecosistema forestale possa adattarsi per continuare a fornire i suoi servizi all’uomo. Per consigliare i forestali su quali specie arboree saranno più adatte in futuro a quali luoghi, i ricercatori del WSL hanno lanciato un grande progetto nel 2020: Insieme ai forestali locali, hanno piantato 55.000 piantine di varie specie arboree in 57 aree di prova in tutta la Svizzera. Il WSL seguirà il loro destino per i prossimi 30-50 anni, al fine di individuare le specie arboree più adatte al futuro.

Le foreste possono fornire legno e immagazzinare anidride carbonica (CO2 ) solo quando crescono. L’aumento della siccità estiva riduce la crescita e la sopravvivenza degli alberi. La rete di monitoraggio TreeNet misura l’apporto idrico degli alberi in tempo quasi reale ed è quindi un sistema di allarme precoce per l’inizio della siccità. I suoi dati aiutano a classificare gli estremi meteorologici e i loro effetti. In questo modo è possibile prevedere gli effetti del cambiamento climatico sulla foresta. Un’applicazione di TreeNet è l’applicazione web FORTE. Può essere utilizzata per verificare se le foreste svizzere soffrono di secchezza del suolo, quanto è grande il rischio di infestazioni di insetti e come questo influisce sulla crescita delle singole specie arboree. L’ulteriore sviluppo di FORTE Future mostra come la distribuzione potenziale delle specie arboree possa cambiare con il cambiamento climatico.


    La foresta e i mutamenti climatici: https://www.wsl.ch/it/foresta/la-foresta-e-i-mutamenti-climatici/


    Stato attuale della foresta: https://www.nccs.admin.ch/nccs/it/home/il-nccs/le-tematiche-prioritarie/funzioni-del-bosco-e-i-cambiamenti-climatici/stato-attuale-delle-foreste.html

    Distribuzione delle specie arboree in presenza di cambiamenti climatici: https://www.nccs.admin.ch/nccs/it/home/il-nccs/le-tematiche-prioritarie/funzioni-del-bosco-e-i-cambiamenti-climatici/proiezioni-delle-foreste-future.html




WSL e SLF mettono a disposizione gratuitamente il materiale foto, video e audio esclusivamente per l’uso in relazione a questo comunicato. È proibito vendere il materiale o appropriarsene per inserirlo in una banca dati foto, video o audio.



Advert