L’imprenditorialitÓ riveste una grande importanza nella formazione professionale

La trasmissione di competenze imprenditoriali Ŕ una prioritÓ assoluta nella formazione professionale superiore e si basa sui requisiti e le esigenze delle singole professioni indipendentemente dal sesso delle persone in formazione. Esistono offerte formative corrispondenti per le professioni tradizionalmente pi¨ scelte dagli uomini e per quelle scelte prevalentemente dalle donne: questa Ŕ la conclusione del rapporto sull-imprenditorialitÓ e paritÓ di genere nella formazione professionale adottato dal Consiglio federale il 23 novembre 2022.

In adempimento del postulato 20.4285 del gruppo liberale radicale źFormazione professionale e uguaglianza. Dare a tutte e a tutti la voglia e la possibilitÓ di diventare imprenditori, in tutti i settori╗, la Segreteria di stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) ha analizzato un campione di 92 profili professionali per indagare che valore ricopre l’imprenditorialitÓ nei cicli di formazione e negli esami della formazione professionale superiore. Quest’analisi ha permesso di identificare competenze imprenditoriali in quasi tutti i profili professionali e un’eguale partecipazione da parte di entrambi i sessi a corsi incentrati sull’economia aziendale a livello delle scuole specializzate superiori. L’accesso alla formazione imprenditoriale e commerciale Ŕ quindi neutro sotto il profilo del genere e lo stesso risultato si riscontra negli esami di professione.

La trasmissione delle competenze imprenditoriali orientata ai bisogni fa parte da tempo della formazione professionale e in particolare della formazione professionale superiore. Questo risultato conferma il ruolo delle organizzazioni del mondo del lavoro (oml) nella definizione dei contenuti formativi. Inoltre la Confederazione, insieme ai Cantoni e alle oml, sta intraprendendo diverse misure per promuovere le pari opportunitÓ, ridurre le diseguaglianze e i pregiudizi e facilitare una scelta della professione fondata e ponderata. Le iniziative vengono avviate giÓ nelle scuole che portano al livello secondario II e terziario.

L’approccio bottom-up nella formazione professionale si Ŕ dimostrato valido. In virt¨ delle sue competenze e delle misure e offerte giÓ in atto, il Consiglio federale non ritiene al momento necessaria alcuna azione aggiuntiva per promuovere l’imprenditorialitÓ e l’uguaglianza di genere nella formazione professionale. Tuttavia, la Confederazione farÓ in modo che i risultati dell’analisi vengano integrati nei processi di sviluppo delle professioni, ad esempio nella ponderazione delle competenze interdisciplinari e nella formulazione delle competenze operative nell’ambito della gestione aziendale ai vari livelli di formazione.