Rintracciare le radici indigene del Cile attraverso la genetica e la linguistica

      -      EN  -  DE  -  FR  -  IT
L’ascendenza genetica dei Mapuche Ŕ tipica del Cono Sud, la parte pi¨ meri
L’ascendenza genetica dei Mapuche Ŕ tipica del Cono Sud, la parte pi¨ meridionale del continente sudamericano. (Immagine: Renato Giugliano)


In che modo le odierne comunitÓ indigene del Sud America risalgono alla storia delle migrazioni e dei contatti umani nel continente? Un team internazionale ha lavorato per ricostruire l’ereditÓ della pi¨ grande comunitÓ indigena del Cile, i Mapuche, nel tentativo di rafforzare la loro rappresentazione nella storia del continente. Sembra che i Mapuche abbiano vissuto a lungo in relativo isolamento, ma che abbiano subito alcune influenze da altre popolazioni delle Ande centrali e dell’estremo sud del Cile.

Il Sud America Ŕ stato l’ultimo continente a essere colonizzato dall’uomo. I primi migranti si spostarono rapidamente dal Nord al Sud America nel tardo Pleistocene, circa 15.000 anni fa, come testimoniano le prime tracce di presenza umana in quello che oggi Ŕ il Cile centro-meridionale. Le migrazioni umane hanno portato molteplici flussi di antenati, ma il modo in cui hanno interagito e le rotte esatte che hanno seguito non sono state ben risolte. Un nuovo studio internazionale fa luce su questi anelli mancanti, iniziando a contestualizzare le attuali ascendenze indigene ed evidenziando la profonditÓ delle loro radici pre-ispaniche nelle Americhe.

Origini genetiche nelle Ande meridionali

Un team di ricerca guidato dall’UniversitÓ di Zurigo (UZH), in collaborazione con la Pontificia UniversitÓ Cattolica del Cile e l’Istituto Max Planck per l’Antropologia Evolutiva di Lipsia, ha studiato l’ascendenza genetica dei Mapuche di concerto con dati linguistici, archeologici e storici. "Abbiamo confrontato il profilo genetico dei partecipanti di origine Mapuche con i dati di molte altre popolazioni delle Americhe, compreso il DNA antico proveniente da scavi archeologici", spiega EpifanÝa Arango-Isaza, dottoranda dell’UZH che ha condotto lo studio.

L’ascendenza genetica dei Mapuche Ŕ tipica del Cono Sud, la parte pi¨ meridionale del continente, che finora Ŕ stata sottorappresentata negli studi genetici e storici. Le altre principali ascendenze genetiche del Sudamerica includono una che si trova soprattutto nelle Ande centrali e un’altra che si trova soprattutto in Amazzonia. "Gli antenati dei Mapuche si sono separati dagli abitanti dell’estremo sud pi¨ di 4.000 anni fa e non si sono incontrati con i successivi flussi migratori provenienti dal nord che hanno raggiunto le Ande centrali e parte dell’Amazzonia", spiega il primo autore.

Relazioni tra le Ande e il Sud del mondo

Le Ande costituiscono la catena montuosa pi¨ lunga del mondo. Un tempo gli etnografi europei tendevano a concepire le Ande come un’unitÓ culturale omogenea e interconnessa. Tuttavia, le relazioni passate tra le popolazioni delle Ande appaiono oggi pi¨ sfumate. Chiara Barbieri, autrice principale dello studio presso l’UZH, afferma: "Vediamo che i lignaggi distintivi dei Mapuche si sono originati localmente e sono rimasti in relativo isolamento. Questo isolamento generale Ŕ punteggiato da episodi di contatto con altre popolazioni sudamericane nell’ultimo millennio circa".


Paul Heggarty, linguista dell’Istituto Max Planck per l’Antropologia Evolutiva durante lo studio, aggiunge: "Il principale legame genetico Ŕ quello con le Ande centrali, che rispecchia il modo in cui colture domestiche come la patata si sono diffuse a sud, cosý come una manciata di parole prese in prestito dal quechua nel mapudungun, la lingua dei mapuche". Questo contatto potrebbe risalire a prima del contatto con l’Impero Inca.

Altre connessioni specifiche puntano verso sud, verso la punta pi¨ meridionale delle Ande. "Abbiamo scoperto che le diverse identitÓ territoriali mapuche - Pehuenche dalle Ande, Lafkenche sulla costa e Huilliche dall’isola di ChiloÚ - sono imparentate tra loro, ma gli Huilliche portano ancora tracce di contatti genetici con l’estremo sud. Questa potrebbe essere una firma della struttura genetica originata da altri gruppi noti come Chono, che un tempo abitavano ChiloÚ", spiega Kentaro Shimizu, professore di genetica e direttore del "University Research Priority Program in Evolution in Action" dell’UZH.

Partecipazione delle comunitÓ indigene e locali

Lo studio Ŕ stato sviluppato attraverso lo scambio diretto con i partecipanti. "Le storie e i resoconti tradizionali raccontano una profonda ereditÓ della cultura Mapuche nella regione. Il nostro lavoro ha un valore per i partecipanti in quanto si sentono rappresentati", afferma MarÝa JosÚ Aninao, linguista mapuche e coautrice dello studio. Chiara Barbieri conclude: "Abbiamo anche registrato il processo di discussione dei risultati con i partecipanti e i rappresentanti culturali in un documentario che ora Ŕ pronto per essere distribuito. In esso cerchiamo di spiegare la complessitÓ delle identitÓ indigene di oggi, a partire dalle conversazioni con persone in Cile che avevano antenati mapuche o che si auto-identificano come mapuche".

Letteratura:
Arango-Isaza et al., The genetic history of the southern Andes from present-day Mapuche ancestry, 5 giugno 2023, Current Biology. Doi: 10.1016/j.cub.2023.05.013