L’"EPFL su ruote" si rifà il look

- DE- FR- IT
Scolaresche imparano la chimica © 2024 EPFL/Alain Herzog - CC-BY-SA 4.0
Scolaresche imparano la chimica © 2024 EPFL/Alain Herzog - CC-BY-SA 4.0
Pieno di esperimenti divertenti, il Bus della Scienza dell’EPFL visiterà le scuole della Svizzera francese questa primavera. Ripercorriamo un programma educativo lanciato quindici anni fa, che ha permesso a più di 45.000 bambini di scoprire la scienza e la tecnologia.

In un certo senso, è un "mini EPFL" su quattro ruote, che porta la scienza nei cortili delle scuole più lontane dal campus di Losanna. Per 15-16 settimane all’anno, dalla primavera all’estate e poi dall’inizio dell’anno scolastico all’autunno, si installa nei cortili della Svizzera francese, dispiegando la sua tenda e invitando i bambini e i loro insegnanti a esplorare l’affascinante mondo della scienza e della tecnologia in modo divertente ed educativo.

Non si tratta di un evento contemplativo, ma di un’introduzione interattiva alla materia. Chimica, robotica, informatica, architettura, ingegneria civile: le tredici sezioni sono rappresentate in una mostra e in laboratori di sperimentazione. "Ogni modulo sviluppato è stato proposto o convalidato dalle sezioni. Esperimenti fotochimici per la chimica, materiali a memoria di forma per i materiali, un robot di progettazione per la microingegneria e così via per ogni tema", spiega Farnaz Moser, direttore del Servizio di promozione scientifica dell’EPFL e iniziatore dello Science Bus. È importante uscire e incontrare le persone, aprire il dialogo, far conoscere l’EPFL e promuovere la scienza tra i giovani che vivono lontano dalla nostra scuola". Dal 2009, il Science Bus ha riscosso un innegabile successo: ogni anno, tutti gli spazi per le presentazioni sono al completo. "Ogni volta è come un piccolo festival della scienza.

Uno spettacolo per iniziare

L’arrivo del Bus è davvero un evento. Nelle classi c’è una sorta di frenesia. Il primo giorno, tutti sono invitati in un’apposita sala per assistere a uno spettacolo di scienza e intrattenimento. Ci saranno sicuramente degli esperimenti che spaventeranno, illumineranno e stupiranno i giovani occhi e quelli dei loro insegnanti più esperti. Non c’è nulla di passivo: i bambini possono fare domande e, soprattutto, capire cosa c’è dietro gli esperimenti. In questo modo i mediatori scientifici hanno anche l’opportunità di spiegare il significato dell’EPFL e l’importanza della scienza nella nostra vita quotidiana.


Il giorno seguente, una alla volta, le classi 7-8P e 9-11S entrano nella tenda dell’autobus. I ragazzi scoprono tutte le discipline scientifiche attraverso una mostra interattiva e una sperimentazione pratica. Chimica per i più piccoli e introduzione alla robotica per i più grandi. "Dal 2009 molti dei moduli allestiti sono rimasti invariati, perché si tratta di esperimenti che in genere illustrano le basi scientifiche e tecniche legate a queste materie. Per esempio, i bambini possono scoprire cos’è un algoritmo risolvendo un puzzle, o imparare concetti come la tensione superficiale, il linguaggio binario, l’assorbimento della luce o il funzionamento di un motore elettrico", spiega Farnaz Moser.

3000 bambini visitano il bus ogni anno

Facendo un rapido calcolo: 15 settimane, 10 classi per 20 alunni, sono 3.000 i bambini raggiunti dallo Science Bus ogni anno, 45.000 in 15 anni. Tutto ciò dimostra che le peregrinazioni di questo insolito veicolo sono un asso nella manica di Science Promotion. Mentre l’autobus trasporta gli esperimenti, sono i team di mediatori a dare spettacolo, desiderosi di trasmettere le loro conoscenze ed esperienze scientifiche. "Abbiamo una ventina di mediatori scientifici provenienti da ambienti diversi. Contribuiscono alle idee e sviluppano i vari contenuti, grazie alla loro formazione ed esperienza complementare". Lo Science Bus coinvolge anche gli studenti dell’EPFL, offrendo loro una prima esperienza professionale. "Vengono formati dal team e possono ricevere un certificato di lavoro quando lasciano l’EPFL. Rimaniamo un punto di riferimento", conclude Farnaz Moser.

https://sps.epfl.ch/bus