L’impatto economico della cannabis

      -      English  -  Deutsch  -  Français  -  Italiano
Ogni anno gli svizzeri consumano circa 56 tonnellate di cannabis (marijuana e ha

Ogni anno gli svizzeri consumano circa 56 tonnellate di cannabis (marijuana e hashish). AGENZIA DELLE ENTRATE

Unostudio condotto dall’Università di Ginevra e dalla società di consulenza EBP rivela che l’intero sistema della cannabis in Svizzera genera un fatturato annuo di un miliardo di franchi.

La cannabis genera un fatturato annuo di circa un miliardo di franchi svizzeri in Svizzera. A beneficiarne non sono solo la produzione e il commercio dell’economia sommersa illegale, ma anche molti settori economici legali, dalla sanità pubblica e l’assistenza sociale alla polizia e al sistema giudiziario. Uno studio dell’Università di Ginevra ha analizzato in dettaglio gli effetti economici dell’attuale regolamentazione della cannabis in Svizzera. Dimostra inoltre che forme alternative di regolamentazione potrebbero cambiare notevolmente la situazione.

La cannabis è vietata in Svizzera dal 1951. Settant’anni dopo, molti Paesi stanno discutendo se il proibizionismo serva all’interesse pubblico. In Svizzera sono stati fatti diversi tentativi di allentare o inasprire la normativa, finora in gran parte senza successo. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), i cantoni di Ginevra e Basilea Città e le città di Berna e Zurigo hanno quindi commissionato uno studio che affronta la discussione da un punto di vista economico e fornisce informazioni finora sconosciute.

Molti settori beneficiano della cannabis

Lo studio è stato preparato dal Dipartimento di Sociologia dell’Università di Ginevra e dalla società di consulenza EBP. Il team di ricerca stima in circa un miliardo di franchi all’anno il fatturato generato in Svizzera dall’intero sistema della cannabis. Ciò include sia gli effetti diretti del mercato della cannabis, dei servizi sanitari, della polizia, del sistema giudiziario e dell’esecuzione delle sentenze, sia gli effetti economici indiretti innescati nell’economia svizzera nel suo complesso.

Ogni anno gli svizzeri consumano circa 56 tonnellate di cannabis (marijuana e hashish). Ciò corrisponde a circa 750.000 giunti al giorno. Sulla base di queste cifre, il fatturato annuo del mercato svizzero della cannabis (produzione e vendita) è stimato in 582 milioni di franchi svizzeri (al netto delle importazioni, pari a 432 milioni di franchi). Inoltre, secondo lo studio, vanno aggiunte le seguenti cifre di fatturato annuo: nell’esecuzione della giustizia 14 milioni di franchi, nella giurisprudenza 9 milioni di franchi, nella polizia 34 milioni di franchi e nel settore sanitario 22 milioni di franchi.

Se si considerano anche gli effetti indiretti dei servizi forniti e il reddito generato, il fatturato annuo è ancora più elevato: 843 milioni di franchi svizzeri nel mercato della cannabis, 44 milioni di franchi svizzeri nel settore sanitario, 71 milioni di franchi svizzeri nella polizia, 18 milioni di franchi svizzeri nel sistema giudiziario e 23 milioni di franchi svizzeri nell’esecuzione delle sentenze.

Valore aggiunto lordo paragonabile a quello della produzione di automobili e parti di automobili

Lo studio stima il valore aggiunto lordo del sistema della cannabis in Svizzera a 673 milioni di franchi (di cui 428 milioni di franchi di effetti diretti e 245 milioni di franchi di effetti indiretti). Il valore aggiunto diretto generato dal sistema della cannabis corrisponde quindi a circa lo 0,06% del prodotto interno lordo svizzero. In Svizzera i settori con un’importanza economica simile sono l’approvvigionamento idrico (0,04%) o la produzione di automobili e pezzi di ricambio (0,08%).

L’effetto occupazionale complessivo dell’attività economica derivante dal sistema della cannabis ammonta a circa 4.400 equivalenti a tempo pieno. Questa cifra è paragonabile a quella dei dipendenti dell’Assicurazione svizzera contro gli infortuni (SUVA). Gli effetti economici generati dal sistema della cannabis innescano anche un gettito fiscale complessivo di circa 25 milioni di franchi svizzeri, che comprende l’IVA e altre imposte sui beni (ad esempio tabacco, carburante) e le imposte sul reddito.

Il sistema della cannabis dovrebbe essere più o meno regolamentato in futuro?

Lo studio mostra anche che gli effetti economici del sistema della cannabis sarebbero alterati nel medio termine se venissero implementate forme alternative di regolamentazione. La legalizzazione del consumo e del possesso della droga per uso personale, combinata con la legalizzazione della produzione comunitaria non commerciale (scenario "Cannabis Social Club"), ridurrebbe il fatturato del sistema cannabis a 650 milioni di franchi svizzeri. In un mercato completamente regolamentato (scenario di "libero mercato"), il fatturato scenderebbe a circa 200 milioni di franchi svizzeri. Un mercato altamente regolamentato organizzato dal settore privato raggiungerebbe circa 275 milioni di franchi svizzeri.

Tuttavia, una parte del calo del fatturato verrebbe assorbita sotto forma di gettito fiscale. Mentre lo status quo, senza mercato legale e senza tassazione specifica del prodotto, genera un gettito fiscale di circa 25 milioni di franchi, lo scenario "Cannabis Social Club" (prezzo minimo e imposta sul fatturato) potrebbe generare un gettito fiscale di circa 166 milioni di franchi, lo scenario "Fortemente regolamentato" (imposta sul prodotto basata sul fatturato) potrebbe generare un gettito fiscale di circa 1,5 milioni di franchi e lo scenario "Cannabis Social Club" potrebbe generare un gettito fiscale di circa 1,5 milioni di franchi.Lo scenario "fortemente regolamentato" (imposta sul prodotto basata sul peso e sul valore, come per il tabacco) genererebbe un gettito fiscale di circa 166 milioni di franchi svizzeri, mentre lo scenario "libero mercato" (solo IVA) di 11 milioni di franchi svizzeri.

Una base necessaria per far avanzare il processo legislativo

Oliver Hoff, ricercatore associato presso l’Istituto per la ricerca sociologica dell’Università di Ginevra e autore dello studio, espone i risultati come segue: I risultati delle simulazioni mostrano che l’attuale normativa produce un risultato molto inefficiente per la Svizzera dal punto di vista economico. Mentre i margini artificialmente elevati vanno a vantaggio soprattutto degli attori illegali, i consumatori soffrono per la mancanza di trasparenza e di qualità dei prodotti. Il sistema sanitario e la prevenzione fanno molta più fatica a raggiungere i consumatori problematici e lo Stato non ha accesso alle informazioni sul problema.Il sistema sanitario e la prevenzione hanno molte più difficoltà ad accedere ai consumatori problematici e lo Stato non ha accesso al mercato in termini di regolamentazione, tassazione e politica sanitaria".

Adrian Gschwend, responsabile della sezione Politica e attuazione dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), aggiunge: Nei prossimi anni, l’obiettivo sarà quello di raccogliere esperienze con l’accesso controllato alla cannabis in test pilota. In combinazione con le iniziative in corso delle commissioni sociali e di salute pubblica di entrambe le camere del parlamento riguardo alla regolamentazione della cannabis, questo studio arriva al momento giusto ed è un buon esempio del contributo che la scienza può dare al continuo dibattito politico sulla gestione della cannabis".

Sandro Cattacin, professore del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Ginevra, che ha monitorato lo studio dal lato dell’università, aggiunge: Quando l’eroina è stata prescritta negli anni ’90, il fattore decisivo è stato la sofferenza del popolo, che ha suscitato indignazione e ha dato vita a dibattiti pubblici su come affrontare il dramma. Successivamente, le valutazioni hanno indotto i politici a stabilizzare per legge una nuova regolamentazione. Anche nella politica della cannabis questi elementi sono decisivi, anche se la sofferenza non è stata visibile per molto tempo. Solo di recente si parla di questa sofferenza legata al proibizionismo. È proprio questo chiarimento che è anche al centro di questo progetto di ricerca. Non parla di sofferenza, né mostra quali modelli siano da preferire da un punto di vista morale. Tuttavia, lo studio fornisce una base utile e necessaria per portare avanti il processo legislativo nel campo della regolamentazione della cannabis, confrontando i diversi modelli di regolamentazione e valutandoli da un punto di vista economico".


Lostudio completo è pubblicato nella serie "Sociograph - Sociological Research Studies" dell’Università di Ginevra.

20 giugno 2022


Questo sito utilizza cookie e strumenti di analisi per migliorare l'usabilità del sito. Maggiori informazioni. |