Una storia antica: i contadini contro i parassiti

      -      English  -  Deutsch  -  Français  -  Italiano
Ossa della mascella inferiore e del braccio di topi di foresta (Apodemus cf. syl

Ossa della mascella inferiore e del braccio di topi di foresta (Apodemus cf. sylvaticus) e pietre di prugnolo con segni di rosicchiamento di topi. (Foto: Raül Soteras, Progetto AgriChange)

Anche nel Neolitico i parassiti rappresentavano una minaccia per i raccolti agricoli. Lo indicano i resti di topi e insetti trovati nei pozzi preistorici da un gruppo di ricerca archeologica guidato da Basilea. Ma ci sono anche indicazioni che le persone sapevano come difendersi, ad esempio passando a varietà di cereali meno sensibili.

Circa 8000 anni fa, le popolazioni europee divennero sedentarie e iniziarono a praticare l’agricoltura. Molti progetti di ricerca si occupano delle pratiche agricole dell’epoca, ma di solito tralasciano l’effetto dei parassiti. Soprattutto nelle regioni mediterranee occidentali dell’Europa, le prove della presenza di insetti e roditori dannosi sono state scarse.

Uno studio condotto dal gruppo di ricerca di Ferran Antolín dell’Università di Basilea dimostra che già nel Neolitico medio le popolazioni dell’Europa meridionale erano alle prese con parassiti come i topi del legno e i tonchi del grano e avevano sviluppato strategie efficaci per combatterli. Lo studio si è svolto nell’ambito del progetto AgriChange, finanziato dal Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica. Hanno partecipato anche il Politecnico di Zurigo e l’Istituto Archeologico Tedesco.

Conservato nella terra

Per il loro studio, le dottoresse Simone Häberle e Marguerita Schäfer hanno cercato negli strati sedimentari di tre pozzi preistorici resti di insetti e piccoli roditori. I siti appartengono a un insediamento neolitico nei pressi di Les Bagnoles (Francia meridionale), datato al 4300-3700 a.C. circa. I rifiuti accumulati nei pozzi sono eccezionalmente ben conservati a causa dell’umidità permanente e della conseguente mancanza di ossigeno.

Sorprendentemente, in uno dei pozzi gli archeozoologi hanno trovato le ossa di oltre quaranta topi di bosco. Probabilmente appartenevano a una popolazione più numerosa, attratta dai rifiuti e dal cibo immagazzinato nell’insediamento - forse i contadini si sono liberati dei topi nel pozzo in disuso che avevano sorpreso a rubare le loro provviste. Probabilmente il topo di bosco si era già insediato negli insediamenti umani prima di essere soppiantato dal topo domestico nell’Età del Bronzo", spiega Häberle. Questo dimostra come l’uomo stesse già modificando gli ecosistemi naturali all’epoca e che i suoi insediamenti costituivano un habitat attraente per alcune specie di fauna selvatica".

I campioni contenevano anche i resti di numerosi insetti, come il tonchio del grano, che ha dimensioni di pochi millimetri e che ancora oggi attacca i magazzini di cereali, oltre ad altri coleotteri potenzialmente dannosi per i semi e il terreno. È raro che resti di piccoli mammiferi e insetti possano essere studiati nello stesso sito", afferma Schäfer. Questo rende le nostre osservazioni ancora più rilevanti e offre interessanti prospettive per le future ricerche sui parassiti preistorici".

Resilienza ai parassiti

I risultati consentono anche di trarre conclusioni su come gli agricoltori neolitici hanno affrontato la minaccia. Intorno al 4000 a.C., in diversi luoghi del Mediterraneo occidentale si è passati dal grano nudo, sensibile ai parassiti dell’immagazzinamento, al grano spelta", spiega Antolín. In seguito, la presenza del tonchio del granaio sembra diminuire a Les Bagnoles", il che potrebbe indicare che gli agricoltori hanno sviluppato una certa resistenza ai parassiti grazie al passaggio al farro.

Questi cereali più resistenti, come l’einkorn e il farro, costituiscono oggi solo una piccola parte delle nostre aree coltivate. In termini di resilienza futura dell’agricoltura, dovrebbero sicuramente essere presi di nuovo in considerazione", afferma Antolín. Questa è un’utile lezione dal passato, dice.

Pubblicazione originale

Simone Häberle e altri.
Piccoli animali, grande impatto? I primi agricoltori e i parassiti pre e post-raccolta del sito neolitico medio di Les Bagnoles nel sud-est della Francia (L’Isle-sur-la-Sorgue, Vaucluse, Provenza-Alpi-Costa Azzurra).
MDPI Animals (2022), doi: 10.3390/ani12121511

Dr. Simone Häberle; Università di Basilea, Archeologia Preistorica e Storia Naturale Integrativa (IPNA), 61 207 42 15 ,

Questo sito utilizza cookie e strumenti di analisi per migliorare l'usabilità del sito. Maggiori informazioni. |